Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Gli eventi

E2 Forum e Forum Software Industriale, sold-out i convegni di Milano e Napoli

Grande successo di pubblico per gli appuntamenti “preparatori” del primo ottobre in Lombardia e dell’otto ottobre in Campania. I temi: mobilità verticale Tecnologie digitali abilitanti per una migliore performance di prodotto e di processo

23 Ott 2019

A. S.

Grande partecipazione di pubblico ai due eventi di preparazione all’E2 Forum di Milano 2020 e alla nuova edizione del Forum software industriale, che si sono svolti il primo ottobre nel capoluogo lombardo e l’8 ottobre a Napoli. Al centro del primo appuntamento i temi della mobilità verticale, con un confronto tra Asia ed Europa per una nuova qualità del vivere dell’abitare, mentre il secondo ha fatto perno sulle tecnologie digitali abilitanti per una migliore performance di prodotto e di processo.  

l’E2 Forum Milano lab

Innovazione, rigenerazione e valorizzazione dell’edificio in chiave internazionale: questo il tema della mattinata di lavoro organizzata da Messe Frankfurt Italia e promossa da Anie AssoAscensori, che ha visto la partecipazione di più di 150 professionisti e  operatori di settore. Al centro dell’appuntamento il confronto tra Asia ed Europa.

“Dal convegno  – spiega Angelo Fumagalli, presidente di Anie AssoAscensori – è emerso chiaramente come ascensori e scale mobili siano al centro di una nuova ‘rivoluzione urbana’. Da un lato la mobilità verticale e orizzontale sostiene in modo determinante fenomeni come la concentrazione delle persone a ritmi incalzanti nelle città in rapida crescita dell’Asia, dall’altro consente di riqualificare e rendere accessibili a tutti i nuclei storici di Europa e America, dove l’invecchiamento della popolazione impone nuovi standard abitativi e architettonici. In questo scenario s’inserisce anche un altro mega-trend: la domanda di digitalizzazione e innovazione tecnologica verso un modello di smart city e building 4.0 comune ad entrambi i due ‘mondi’. Ascensori intelligenti, connessi e città del futuro dunque – conclude Fumagalli – Eppure, guardando all’Italia non si può non pensare al paradosso di un parco installato fra i più numerosi al mondo – circa 1 milione di impianti – di cui il 55% con oltre 30 anni di operatività. Il compito primario delle aziende del settore è allora quello di intervenire su questo parco vetusto per garantire – in una vera ottica di Business to Human – innovazione, accessibilità e un maggiore livello di sicurezza per tutti”.

“Il palinsesto di E2 Forum Lab  – aggiunge Donald Wich, amministratore delegato di Messe Frankfurt Italia – è riuscito a promuovere interessanti riflessioni combinando design e innovazione tecnologica grazie all’interazione tra figure professionali. Gli argomenti trattati nell’edizione Lab di quest’anno hanno orientato il dibattito verso una prospettiva internazionale, strategica per il gruppo Messe Frankfurt, che con i suoi appuntamenti nel mondo segue i temi della progettazione sinergica dell’edificio.”

Dario Trabucco, Professore Università IUAV di Venezia, Presidente Comitato Scientifico E2 Forum: “E2Forum 2019, seppure nella versione breve “Lab” prevista per gli anni dispari, è comunque stata un’importante occasione di incontro e confronto tra mondi complementari ma spesso poco comunicanti: il settore ascensoristico e quello, più ampio, dell’architettura. Con l’intervento di due importanti protagonisti italiani dell’architettura di oggi – Alfonso Femia e Marco Piva – e di domani, con gli studenti dell’Università di Pavia che si sono cimentati nella progettazione dell’accessibilità (ascensori, scale, rampe) di un edificio storico, tema inusuale e “spinoso”. Spunto di profonde riflessioni e di alcune inquietudini è stato anche il quadro tratteggiato sul ruolo che già oggi la Cina svolge dal punto di vista economico e di come questo cambierà nel futuro a causa degli andamenti demografici futuri.”

Software Industriale 4.0: il motore della crescita”

La tavola rotonda dell’8 ottobre a Napoli è stata pensata come tappa di avvicinamento all’edizione 2020 di Forum Software Industriale. A organizzare l’evento, promosso dal Gruppo Software Industriale di ANIE Automazione, associazione di Federazione ANIE, è Messe Frankfurt Italia.  

All’appuntamento, che si è tenuto al complesso Universitario San Giovanni a Teduccio dell’Università degli Studi Federico II, mirato a discutere di tecnologie digitali abilitanti per una migliore performance di prodotto e di processo, hanno partecipato oltre 140 persone. Durante l’incontro è stata sottolineata l’importanza degli investimenti in sistemi informativi per far fronte alle trasformazioni in ambito manifatturiero: cambio dei modelli di consumo, crescenti richieste di regolamentazione e tracciabilità, invecchiamento delle infrastrutture, sostenibilità, divario di competenze nella forza lavoro. Tutto orientato alla flessibilizzazione della produzione, attraverso lo smart manufacturing e la valorizzazione dei dati con attenzione alle sfide in materia di cyber security.

“Con i suoi Forum, il Gruppo Software Industriale di ANIE Automazione, ha il compito di diffondere nei territori la cultura della digitalizzazione del manifatturiero e Napoli è stata una tappa importante di questo percorso – sottolinea Fabrizio Scovenna, presidente Anie Automazione – Auspichiamo che il Governo continui ad investire nel Piano Impresa 4.0 rifinanziando quegli strumenti che tanto bene hanno funzionato nel 2017 e 2018”.

“La nostra competenza organizzativa al servizio dell’innovazione tecnologica, ci rende partecipi di un progetto d’interesse per il manifatturiero italiano – aggiunge Donald Wich, amministratore delegato di Messe Frankfurt Italia – Il saper fare, che nel nostro Paese si distingue per l’abilità di produrre prodotti esclusivi e personalizzati, unito a una maggiore innovazione nella produzione alla portata delle piccole-medie imprese, rappresenta certamente uno strumento cruciale per la competitività internazionale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5