Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'appuntamento

Industria 4.0, a Bologna focus sull’affidabilità dell’automazione nelle misurazioni

In programma il 4 luglio l’evento realizzato da Iqc in collaborazione con Pomiager, università degli studi dell’Aquila e Schneider Electric. Tra i temi in agenda anche cybersecurity e blockchain

18 Giu 2019

A. S.

Approfondire, sopratutto negli aspetti pratici e operativi, i temi dell’affidabilità, della sicurezza e della inalterabilità dei dati e delle informazioni che si ricavano attraverso le misurazioni nell’ambito dell’automazione industriale. E’ l’obiettivo dell’evento organizzato per il 4 luglio a Bologna da Iqc, con collaborazione con Pomiager, Università degli Studi dell’Aquila e Schneider Electric, e con il patrocinio di Confindustria Emilia – Area Centro. L’appuntamento è per le 14:30 all’Auditorium Biagi di Confindustria Emilia Area Centro, in via San Domenico, 4. 

“Le nuove tecnologie digitali – si legge in una nota degli organizzatori – permettono di realizzare sistemi capaci di misurare in maniera innovativa molte grandezze, di monitorare parametri e postazioni di misura precedentemente irraggiungibili grazie alla miniaturizzazione. Il  paradigma di riferimento diventa la rete di sensori, capaci di fondere le informazioni relative a grandezze diverse, efficacemente interconnessi e a costi accettabili”.

Da considerare anche il fatto che il flusso di informazioni aumenta rapidamente, e che per monitorare e analizzare i dati sono sempre più necessarie procedure automatiche di controllo e validazione, fattori che determinano il cambiamento delle strategie di verifica della qualità della misura, oltre che porre il problema di come fare ad analizzare in modo efficiente i dati ricavati. 

Durante l’appuntamento inoltre si focalizzerà l’attenzione anche sugli aspetti di sicurezza e affidabilità di dati raccolti, che spesso presuppongono lo sviluppo di una nuova governance dell’information security e della cybersecurity per  gestire i rischi connessi alla perdita di  dati. Un settore in cui potrebbe rivelarsi particolarmente utile la Blockchain, tecnologia che può essere integrata per garantire affidabilità e immutabilità dei dati di misura e di processo rilevati lungo linee e impianti di produzione nell’industria 4.0.

“Queste importanti evoluzioni tecnologiche confermano la necessità di una pari evoluzione delle conoscenze dei tecnici – conclude la nota – Progettisti e operatori sono chiamati a interfacciarsi efficacemente e correttamente con le nuove architetture e modalità di gestione di sistemi di misura a cosiddetta ‘intelligenza diffusa’ ed è essenziale che su di essi vada concentrato il massimo impegno per sostenerne la crescita professionale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5