Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Evento

Industria 4.0: il Forum Meccatronica nel distretto industriale di Firenze

Oltre 500 operatori del settore hanno partecipato alla sesta edizione della mostra-convegno organizzata dal Gruppo Meccatronica di Anie Automazione in collaborazione con  Messe Frankfurt Italia. Un’occasione da sfruttare per innovare e ottimizzare i processi produttivi abbracciando il paradigma dell’Industry 4.0

13 Nov 2019

Dopo le tappe in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Marche e Piemonte si è svolta a Firenze la sesta edizione di Forum Meccatronica, l’appuntamento annuale e itinerante con gli attori della filiera dell’automazione industriale, che questa volta ha scelto il distretto industriale toscano con una naturale vocazione tecnologica e innovativa, caratterizzato dalle produzioni farmaceutica e tessile, di carta e tabacco.

La mostra-convegno, ideata dal Gruppo Meccatronica di Anie Automazione, associazione che fa parte della Federazione Anie, e realizzata in collaborazione con  Messe Frankfurt Italia, ha accolto oltre 500 visitatori e prendendo spunto dall’incremento della digitalizzazione industriale, un mercato che sta passando dalla fase delle sperimentazioni e dei progetti pilota a quella della maturità con le imprese che iniziano a investire su attività sul campo nella logica dell’industria 4.0 , ha puntato l’attenzione sulla maturità digitale e sui nuovi traguardi tecnologici nell’industria manifatturiera italiana.

Considerando la digitalizzazione come una priorità competitiva che non riesce sempre ad essere sfruttata appieno dalle imprese, soprattutto dalle PMI, per carenza di competenze manageriali e soprattutto finanziarie, la giornata è stata l’occasione per incontrare i fornitori di tecnologie 4.0, Università e Associazioni, che possono fornire le competenze necessarie e accompagnare anche le realtà meno strutturate nei primi passi verso la digitalizzazione.

“Abbiamo promosso e partecipato con piacere a questo appuntamento perché le opportunità che la meccatronica offre al nostro tessuto produttivo sono da diffondere. Circa il 17% del PIL della nostra regione è prodotto dal settore manifatturiero, sono 7.000 le unità produttive meccaniche in toscana e oltre 75.000 gli addetti. Una realtà territoriale che deve guardare alle occasioni di investimento nella meccatronica e nell’industria 4.0  in generale. Le nostre imprese già investono in questo senso, è necessario però fare di più anche a livello di formazione” ha dichiarato Gabriele Baccetti, Direttore Confindustria Toscana.

Verso la digitalizzazione dei processi produttivi e della logistica

Durante la sessione plenaria Sabina Cristini, Presidente Gruppo Meccatronica di ANIE Automazione ha tenuto a sottolineare come “la sfida che deve affrontare il comparto manifatturiero italiano è quella di mantenere la propria competitività nel contesto globale. In una situazione di mercato caratterizzata da incertezza e volatilità, risulta strategico il consolidamento della leadership delle aziende nei diversi settori tecnologici grazie a una continua innovazione. Le tecnologie attualmente disponibili, relative anche alla digitalizzazione, risultano abilitanti, a livello di piattaforme sempre più integrate e interconnesse, di un reale approccio multidisciplinare, favorendo questa trasformazione dei processi.”

Con la sesta edizione del Forum si conclude la Mappatura delle Competenze Meccatroniche relativa alle regioni del centro nord Italia, l’indagine svolta dal Politecnico di Milano e promossa da Messe Frankfurt Italia e ANIE Automazione, che ha lo scopo di mappare le competenze e le tecnologie nei principali distretti produttivi.

“L’analisi, approdata in Toscana, rileva una forte consapevolezza dell’uso delle tecnologie meccatroniche in chiave 4.0. Cresce il loro impiego, se pur in un clima di investimenti più contenuti rispetto agli scorsi anni. Nello stesso tempo le aziende intervistate sono concordi nel chiedere al comparto più impegno per facilitare integrazione tecnologica e flessibilità, insieme all’esigenza di formare una classe dirigente e far comprendere ai clienti i vantaggi dell’innovazione nei prodotti e dei processi” ha commentato il Prof. Giambattista Gruosso, Ph.D. Associate Professor DEIB Politecnico di Milano, che ne cura la realizzazione.

I progetti e le esperienze clienti in tema Meccatronica

“Il Forum è concepito come un momento di confronto e di sintesi importante su come si stanno muovendo i fornitori di componenti e sistemi di automazione nell’ambito della trasformazione digitale dell’industria manifatturiera italiana. Un’occasione per far dialogare interlocutori appartenenti a diverse aree di competenza favorendo la contaminazione tra esperienze e la condivisione di know-how” ha affermato Donald Wich, Amministratore Delegato Messe Frankfurt Italia.

I progetti meccatronici sviluppati hanno riguardato la rivisitazione di nuovi concetti di macchine più flessibili, la potenzialità e versatilità della simulazione e della prototipazione virtuale, delle prestazioni di reti e architetture di comunicazione per l’interconnessione di macchine e impianti, della crescita costante di applicazioni e servizi per la creazione di valore sulla base dei dati resi disponibili su cloud o su piattaforme edge. Ad avvalorare i vantaggi che si possono ottenere, sono state riportate anche esperienze con clienti su progetti innovativi.

Infine, sono state premiate le migliori memorie rispetto a ciascuna area tematica al centro degli incontri:  per la sessione Progettazione “SPE: Single Pair Ethernet, la nuova innovazione per Industrial Ethernet” di Harting, per la sessione Produzione “Internet dei sensori: la tecnologia IO-Link come tramite per incrementare l’intelligenza degli impianti e la loro connessione al cloud” di Pepperl+Fuchs e per la sessione Prestazioni quella di di Analog Devices dal titolo “Condition Based Monitoring requires New Sensing Technologies”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5