Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Fiere ed eventi

Mecspe 2019: aziende sempre più attente alle tecnologie dell’Industria 4.0

Si è conclusa il 30 marzo la diciottesima edizione della manifestazione di Parma dedicata al mondo manifatturiero. Numerosi gli spunti emersi dalla 3 giorni

08 Apr 2019

Si è conclusa nei giorni scorsi con successo la diciottesima edizione di MECSPE di Parma, la fiera internazionale delle tecnologie per l’innovazione: la manifestazione ha visto la presenza di 56.498 visitatori certificati (+6% rispetto all’edizione 2018), 2.355 aziende e 120.000 mq di superficie espositiva. Numerosi sono stati temi affrontati in questa edizione, tra cui l’impatto delle nuove tecnologie sul mondo dell’industria: secondo un’analisi presentata da Senaf, il 43% delle PMI italiane del manifatturiero hanno già adottato o intendono introdurre entro il 2019 tecnologie/processi innovativi tra cui rientrano anche la sicurezza informatica, il cloud computing, la robotica collaborativa e l’internet of things. Gli investimenti in formazione rappresentano per gli imprenditori la migliore strategia per valorizzare il capitale umano in azienda (49%).

Sulla stessa linea anche l’ultimo Osservatorio MECSPE Italia, relativo al II semestre 2018: 8 aziende su 10 credono nella propria trasformazione digitale avvenuta in questi anni e quasi la totalità (oltre 9 su 10) ritiene di avere un livello di conoscenza medio-alto rispetto alle opportunità tecnologiche e digitali sul mercato. Molta importanza è attribuita al fattore ricerca e innovazione: il 61% del campione investirà fino al 10% del proprio fatturato e il 25% dedicherà una quota compresa tra il 10 % e il 20%.

Sul fronte della formazione e della ricerca di nuove professionalità che facciano fronte alle sfide dell’Industria 4.0, il parere delle imprese è che la tecnologia abbia un ruolo di primo piano, ma solo se supportata da un’adeguata formazione umana e da un cambiamento culturale (46%). Non solo il 48% pensa che l’impatto della digitalizzazione nella vita quotidiana imporrà necessariamente la nascita di nuove figure professionali, con forti competenze in ambito IT.

A proposito di giovani e formazione, nel corso di MECSPE è stata presentata un’altra ricerca, questa volta realizzata da Blueeggs, che ha cercato di comprendere quali possano essere gli ostacoli relativi alla partecipazione delle nuove generazioni alla fabbrica. Il 29% degli imprenditori intervistati pensa che nell’immaginario collettivo l’azienda manifatturiera possa essere vista come luogo “tecnologicamente arretrato”, con “orari fissi e vincolanti”, lontani quindi dall’attuale stile di vita più orientato alla flessibilità e allo smart working. Per inseguire le nuove tecnologie, il 43% degli imprenditori ipotizza la nascita di team di lavoro misti, composti da uomini e tecnologie intelligenti; il 13% prospetta ambienti di lavoro virtuali in cui testare prodotti, scambiare informazioni, dialogare con il committente o cliente finale; mentre il 4% azzarda che il lavoro diventerà quasi un “gioco”, dove il personale avrà un’esperienza più coinvolgente e gratificante, con interfacce molto simili a quelle dei giochi virtuali. Più cauto il 26%, secondo cui cambieranno gli strumenti, ma la vita lavorativa rimarrà la stessa.

“Da anni MECSPE offre una panoramica completa e aggiornata sul sistema industriale del futuro, delineando con anticipo trend e nuove sfide – commenta Maruska Sabato, Project Manager di MECSPE – Oltre a presentare l’evoluzione del manifatturiero, con l’appuntamento di Parma, ormai riconosciuto anche a livello internazionale, vogliamo offrire il nostro supporto alle imprese che hanno accettato la sfida della trasformazione digitale e ai giovani che vogliono inserirsi in questo cambiamento. E lo facciamo attraverso esperienze concrete, come quelle che i visitatori hanno potuto vivere nell’edizione 2019, a partire dalla nuova area MECSPE Young & Career, nata per dare risposte alle imprese in cerca di figure professionali adeguate e di giovani diplomati/laureati, che saranno i professionisti di domani. La formazione riveste un ruolo importantissimo nell’imprenditoria ed è imprescindibile investire in capitale umano e capitalizzare le conoscenze, perché è qui che si gioca la sfida della competitività”.

La prossima di MECSPE tornerà a Fiere di Parma, dal 26 al 28 marzo 2020, passando prima dalla Puglia con la prima edizione di MECSPE Bari (Nuova Fiera del Levante, 28-30 novembre 2019).

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

M
MECSPE

Approfondimenti

I
industria 4.0
M
mecspe

Articolo 1 di 5