La ricerca di PwC sulle tendenze M&A del 2018 con focus sull'Italia - Industry 4 Business

Report

La ricerca di PwC sulle tendenze M&A del 2018 con focus sull’Italia

Nonostante la volatilità e l’incertezza nei mercati, l’Industrial Manufacturing & Automotive rimane il settore con il più alto numero di transazioni Merger&Acquisition nel 2018 con 370 deals annunciati

11 Apr 2019

Le operazioni di Merger&Acquisition (M&A) o di fusione e acquisizione costituiscono ancora un valido strumento strategico per incrementare abilità tecnologiche e know how. Nonostante le grandi sfide connesse alla riorganizzazione dei modelli di business, che non deve sacrificare la qualità della produzione, la fiducia in queste operazioni è ancora forte. Al momento, i principali fattori che frenano gli investimenti e le operazioni di M&A sono l’eccesso di regolamentazione e l’instabilità geopolitica. Nonostante la volatilità e l’incertezza nei mercati, l’Industrial Manufacturing & Automotive rimane il settore con il più alto numero di transazioni M&A nel 2018 con 370 deals annunciati.

Questa è la principale evidenza dello studio Industrial Manufacturing & Automotive, M&A Trends 2018 condotto da PwC, un network con oltre 250.000 professionisti in tutto il mondo, di cui circa 5.500 in Italia, impegnati a garantire alle imprese qualità nei servizi di revisione, consulenza strategica, legale e fiscale, con un focus sull’Italia.

La ricerca si focalizza sulle operazioni di M&A in 7 sotto settori principali: Automotive, Chemicals & Materials, Construction, Industrial Automation & Electronics, Industrial Manufacturing, Industrial Services, Transportation & Logistics, con dettagli sugli investitori coinvolti e i principali trend previsti.

I principali risultati dello studio

370 sono i deal registrati nel segmento Industrial Manufacturing & Automotive nel 2018, leggermente in calo rispetto ai 434 del 2017. Il segmento rimane comunque il più attivo in Italia.

WEBINAR
Sviluppo 4.0 il nuovo volto delle aziende. Tutti gli step
IoT
Logistica/Trasporti

Il 45% delle M&A deals è di carattere “domestic” quindi interno alle aziende con la stragrande maggioranza concentrata nel Nord Italia, seguito dall’Italia centrale: Lombardia, Piemonte e Veneto guidano la tendenza. Per quanto riguarda gli accordi transfrontalieri, la vicinanza geografica sembra essere ancora un fattore chiave per le attività di M&A nel settore IM&A. Con EMEA (Europe, Middle East, and Africa) che costituisce il 64% degli outbound targets e il 58% degli inbound bidders. Nonostante questo, a
il numero di accordi transfrontalieri chiave coinvolge ancora le Americhe  (26% in uscita, 25% in entrata) e APAC (10% in uscita,
17% in entrata); tra cui mega-deal come Magneti Marelli acquisito da Calsonic Kansei Corporation.

Per quanto concerne i sotto settori oggetto di studio: l’Automotive con 33 deal si mantiene stabile (34 nel 2017) e si conferma l’attrattività del Made in Italy per gli investitori stranieri; nel Construction deal in aumento, 35 contro 28 del 2017; Industrial Automation & Electronics registra con 35 deal gli stessi numeri del 2017, protagonisti gli investitori finanziari in 22 deal su 29; deal in calo per Transportation & Logistics (20 contro i 35 del 2017); stessa cosa vale per i settori rimanenti, Industrial Services con 41 deal contro i 65 del 2017; Industrial Manufacturing 169 deal contro i 197 del 2017 e Chemicals & Materials con 37 contro i 40 del 2017.

Per consultare la versione integrale della ricerca potete accedere a questo link che rimanda direttamente al documento pdf.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

P
PwC

Approfondimenti

A
Automotive
S
Smart manufacturing