Microsoft Cloud potenzia l'online purchase experience di Despar

E-commerce GDO

Microsoft Cloud potenzia l’online purchase experience di Despar

Grazie alla potenza computazionale e alla flessibilità del Cloud Computing di Microsoft Azure, la piattaforma “Despar a Casa” permette ai clienti di ordinare online la propria spesa e prenotare la consegna in pochi clic, evitando interruzioni del servizio anche nei momenti di maggiore stress

20 Gen 2021

Claudia Costa

Avviato ad aprile 2019 grazie all’utilizzo della piattaforma di eCommerce e dei servizi di digital marketing di ReStore, il progetto di digitalizzazione del marchio Despar si è avvalso del Cloud di Microsoft Azure che grazie alla sua potenza e scalabilità, alla semplicità d’uso e alla facilità di integrazione con altri strumenti si è rivelata la soluzione vincente non solo per rimanere al fianco dei consumatori in un momento estremamente complicato come quello del lockdown da Coronavirus, ma anche di rispondere in modo sempre più puntuale alle loro esigenze, migliorando l’esperienza di acquisto online in linea con i più elevati standard qualitativi e tecnologici.

Come racconta Pippo Cannillo, Presidente e Amministratore Delegato di Maiora srl – Despar Centro Sud “Grazie alle tecnologie di Cloud Computing di Microsoft e al supporto strategico di ReStore abbiamo potuto rispondere tempestivamente al repentino aumento dell’attività sulla nostra piattaforma online Despar a Casa sia nei primi mesi della pandemia sia in autunno quando sono entrate in vigore nuove restrizioni: basti pensare che il volume degli ordini effettuati online è aumentato di 30 volte tra febbraio e aprile 2020 e che ha subito un nuovo aumento del 70% tra settembre e novembre”.

Microsoft Azure accelera la trasformazione digitale delle imprese italiane

Microsoft Azure offre le massime garanzie di sicurezza e privacy in linea con il GDPR, permettendo agli utenti di completare i propri acquisti online con la massima tranquillità rispetto alla protezione dei propri dati personali. Inoltre, l’elevata potenza computazionale e la scalabilità della piattaforma consentono di attivare in ogni momento tutte le risorse necessarie per rispondere efficacemente alle richieste. Infine, i tool di intelligenza artificiale e di analytics permettono di monitorare costantemente lo status della piattaforma, identificare i servizi più richiesti e ottimizzare le operazioni, garantendo la continuità del servizio anche dopo che, in seguito allo scoppio dell’emergenza sanitaria, l’attività è diventata più intensa.

WHITEPAPER
Cosa fare per trovare, classificare e analizzare i dati in tempo reale?
Big Data
Cybersecurity

“Viviamo in un’epoca di grandi cambiamenti, che le imprese italiane hanno saputo affrontare facendo leva sulla tecnologia per innovare i propri processi e servizi, dimostrandosi anti-fragili e dando vita in pochi mesi a una trasformazione digitale che in un contesto tradizionale avrebbe richiesto diversi anni. Il caso di digitalizzazione di Maiora è emblematico di come il Cloud Computing giochi un ruolo cruciale, offrendo quella potenza computazionale e la flessibilità necessarie per adattarsi rapidamente a nuovi scenari, ripensando alcune attività e dando vita a nuovi modelli di business” spiega Giacomo Frizzarin, Direttore della Divisione Small, Medium and Corporate di Microsoft Italia.

Il Cloud Computing per la GDO: importante anche dopo la pandemia

“Nei mesi più duri dell’emergenza sanitaria, la capacità delle aziende della GDO di offrire un servizio online costante ed efficace ha fatto la differenza e ha portato molte persone che non avrebbero mai pensato di avvalersi dei canali digitali ad adottare nuove abitudini di acquisto che difficilmente abbandoneranno anche nella nuova normalità” afferma Stefano Corricelli, Responsabile Ricerca & Sviluppo di ReStore. Non a caso tra gennaio e agosto 2020, il volume degli acquisti sulla piattaforma Despar a Casa e tramite app è aumentato del 50%, confermando una crescente predisposizione della popolazione ad acquistare online anche quando gli spostamenti non sono limitati dalle normative anti-Covid.

Per il futuro, Maiora e ReStore intendono continuare a puntare sul Cloud di Microsoft Azure e far leva sulle funzionalità di Business Intelligence e Machine Learning per migliorare l’analisi delle attività online a supporto di una continua ottimizzazione dell’esperienza d’acquisto, di una gestione più informata degli approvvigionamenti e della semplificazione delle attività di back office.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4