Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Dal Mise 340 milioni per le PMI del Sud destinati ai Macchinari Innovativi

Una agevolazione per le aziende di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, inserita nel programma Macchinari Innovativi, ovvero per investimenti in logica Industria 4.0

20 Lug 2018

340 milioni di euro a disposizione delle micro, piccole e medie imprese per investimenti indirizzati all’acquisto di Macchinari Innovativi: tanto è stato stanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico che ha ascritto l’intervento sul PON Imprese e Competitività 2014-2020 FESR e sul collegato Programma nazionale complementare di azione e coesione.

Si tratta di una misura indirizzata alle aziende delle regioni meno sviluppate del Paese, nella fattispecie Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con l’obiettivo di favorirne la transizione verso la Fabbrica Intelligente.

Cosa è Macchinari Innovativi

Macchinari Innovativi è una agevolazione che sostiene gli investimenti innovativi in coerenza con il piano nazionale “Impresa 4.0” e la Strategia nazionale di specializzazione intelligente.

La misura fa riferimento, in particolare, all’acquisto di macchinari, dispositivi, corredati di programmi informatici e licenze per il loro utilizzo, che abilitano l’interconnessione tra le componenti fisiche e digitali del processo produttivo, con l’obiettivo di migliorare i livelli di efficienza e di flessibilità.

Quali aziende possono richiedere l’agevolazione

I termini per la presentazione delle domande verranno pubblicati in un secondo momento: per il momento si sa che possono accedere alle agevolazioni aziende iscritte al registro delle imprese, non in liquidazione volontaria né sottoposte a procedure concorsuali, che dispongono di almeno due bilanci approvati e depositati (nel caso di società di persone e di imprese individuali che abbiano presentato almeno due dichiarazioni dei redditi), in regola con gli obblighi contributivi e con le norme vigenti in materia di edilizia, lavoro e urbanistica, che non abbiano progetti di delocalizzazione che interessino l’unità produttiva per al quale presentano domanda, che non siano classificabili come “aziende in difficoltà”.

Sono ammessi alle agevolazioni tutti i settori manifatturieri ad eccezione di siderurgia, estrazione del carbone, costruzioni navali, trasporti e infrastrutture, energia e infrastrutture, fabbricazione di fibre sintetiche.

Gli investimenti che possono essere oggetto di agevolazioni devono riguardare macchinari nuovi ed essere compresi tra i 500.000 e i 3 milioni di euro e devono interessare le unità produttive che si trovano nelle regioni oggetto della misura Macchinari Produttivi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

I
industria 4.0

Articolo 1 di 5