Fuori dall’hype: perché l’intelligenza artificiale serve davvero - Industry 4 Business

Intervista

Fuori dall’hype: perché l’intelligenza artificiale serve davvero

A colloquio con Enrico Bellinzona, Large Corporate Manager e Marco Franchi, Consulting Manager in Dedagroup Business Solutions: perché oggi le aziende non possono fare a meno dell’Intelligenza Artificiale? Quali applicazioni e casi d’uso?

26 Feb 2021

Maria Teresa Della Mura

Giornalista

Tra le tecnologie che abilitano la trasformazione digitale delle imprese, delle società e della nostra vita quotidiana, sicuramente all’Intelligenza Artificiale oggi spetta un posto d’onore, per lo meno in termini di popolarità.
Ma cosa è realmente l’intelligenza artificiale?
Intelligenza Artificiale significa mettere a frutto il patrimonio di dati che negli anni le aziende hanno accumulato, per prendere decisioni informate.
È un percorso che attraversa tutte le aziende, dal mondo del finance al mondo del manifatturiero e che in qualche misura finisce per coinvolgere anche tutte le figure e le funzioni aziendali, il cui lavoro è sempre più spesso guidato dal dato.
L’intelligenza artificiale non si sostituisce all’uomo, ma anzi ne nobilita e ne esalta le peculiari capacità, intervenendo nell’automazione di quei processi nei quali meno rilevante è il fattore umano.

Sono questi i temi che abbiamo affrontato in questa intervista con Enrico Bellinzona, Large Corporate Manager e Marco Franchi, Consulting Manager in Dedagroup Business Solutions.

Dal dato all’Intelligenza Artificiale

Con Bellinzona e Franchi abbiamo provato a fare un excursus attraverso le diverse declinazioni dell’Intelligenza Artficiale nel mondo del business e delle imprese, partendo da una prima, inevitabile domanda: Che cosa è davvero l’Intelligenza Artificiale e perché nessuno oggi può realmente farne a meno?
In questa intervista si cerca di spiegare come l’AI non sia davvero più una tecnologia di frontiera, ma uno strumento realmente a supporto delle imprese, in grado di liberare risorse ed energie per il lavoro qualificato.

Se è vero che oggi più che mai i dati rappresentano il sistema nervoso “dell’organismo azienda”, allora servono strumenti di analisi e machine learning che consentano di trasformarli in informazioni e conoscenza. Ed è su queste informazioni e su questa conoscenza che intervengono le capacità umane.

Per molte imprese si tratta di un passaggio obbligato: in uno scenario complesso qual è quello in cui si muove oggi, l’AI rappresenta una leva tecnologica indispensabile per competere e sviluppare efficienza.

Dall’Intelligenza Artificiale all’impresa cognitiva

Sono questi i passaggi che portano le imprese a muoversi in una dimensione nuova, quella della Cognitive Enterprise.
Usare l’intelligenza artificiale a beneficio del business significa utilizzare un insieme di servizi ‘cognitivi’, che svolgono attività che normalmente sarebbero svolte da un essere umano, liberando dunque risorse e competenze umane per fare attività a valore aggiunto, come prendere decisioni.

È un cambiamento significativo, soprattutto per il sistema azienda. Accettare che un robot software possa svolgere alcuni compiti, è, per molti versi, una rivoluzione culturale.
Ma è proprio l’adozione dell’intelligenza artificiale in azienda che determina il cambiamento e l’evoluzione dei processi.
Tutto si gioca su un utilizzo massivo dei dati: adottare un modello di comprensione e gestione dei processi di tipo probabilistico, basato sugli algoritmi e sui dati, significa avvicinarsi alla cognitive enterprise.
Per Dedagroup Business Solutions questo passaggio si esplica, ad esempio, nell’adozione della piattaforma IBM Watson, un ambiente ricco di servizi, in cloud, che ha sistemi di elaborazione e calcolo progettati per lo sviluppo di progetti di AI.

Dal bancario al manufacturing, gli ambiti applicativi dell’Intelligenza Artificiale nelle imprese

Nel corso dell’intervista, con Enrico Bellinzona e Marco Franchi sono stati esplorati anche i diversi ambiti concreti di utilizzo dell’Intelligenza Artificiale, in particolare nei settori nei quali Dedagroup Business Solutions Opera.
In questa fase, va da sé, percorsi interessanti di adozione si sono realizzati in aziende strutturate in aree quali il customer support, il marketing, le vendite che hanno adottato virtual assistant o sistemi di clustering, profilazione, stima.
Nel mondo bancario gli algoritmi di Intelligenza Artificiale & Machine Learning applicati al credito e ai pagamenti permettono ad esempio di stimare i giorni di ritardo nel pagamento delle somme dovute dal cliente.
Nel mondo industriale, l’Intelligenza Artificiale è una leva tecnologica trasformativa che consente di migliorare il controllo della produzione, ottimizzare le attività produttive, migliorare la manutenzione delle linee, accorciare i tempi di progettazione, ridurre gli sprechi…
Ad esempio, nei processi di sviluppo prodotto l’AI ha dimostrato di essere fondamentale nella ricerca di informazioni in archivi non strutturati tipici dei dipartimenti di progettazione e R&D.

L’impegno di Dedagroup Business Solutions

Quello di Dedagroup Business Solutions è un impegno concreto nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale. La società ha iniziato qualche anno fa sviluppando assistenti virtuali in grado di riconoscere il linguaggio naturale ed a gestire un flusso di conversazione strutturato. Poi è passata alla semantica delle immagini e da qui ai servizi cognitivi applicati ai progetti di Robotic Process Automation.
E proprio per rendere ancora più concreto il proprio impegno, la società ha creato una divisione specificatamente dedicata alla Trasformazione Digitale, nella quale i Digital Advisor lavorano in stretto contatto con architetti e specialisti informatici per trovare la soluzione migliore per le specifiche esigenze dei clienti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Maria Teresa Della Mura
Giornalista

Giornalista, da trent’anni segue le tematiche dell’innovazione tecnologica applicata ai modelli e ai processi di business.Negli ultimi anni si è avvicinata al mondo dell’Internet of Things e delle sue declinazioni in un mondo sempre più coniugato in logica smart: smart manufacturing, smart city, smart home, smart health.

Articolo 1 di 4