Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Data/Service Availability

Industria 4.0: creare le basi per il futuro del settore manifatturiero

L’Industria 4.0 è diventata il Santo Graal del settore manifatturiero. Richieste del mercato in continua e rapida evoluzione e la situazione incerta dell’economia globale hanno spinto le aziende ad orientarsi verso trasformazione digitale, inaugurando una nuova era della manifattura. Efficienza operativa, migliore conoscenza dei clienti, introduzione sul mercato di nuovi prodotti in tempi più rapidi: l’approccio “industria 4.0” aiuta questo importante comparto a entrare nel futuro.

14 Set 2018

di Albert Zammar, Vice President Southern EMEAR Region di Veeam

Gli impatti finanziari positivi potrebbero essere significativi. I responsabili del settore nell’area EMEA quantificano una crescita dei ricavi del 13% nei prossimi cinque anni generata da investimenti nel digitale, mentre i produttori del settore stanno già ottenendo oltre il 50% dei loro ricavi da prodotti e servizi digitali [fonte: PWC,Global Digital Operations Study 2018 – nda].

La crescente dipendenza del settore manifatturiero dalla tecnologia digitale porta inevitabilmente con sé alcuni rischi. La proliferazione del digitale ha notevolmente aumentato le sfide per i team IT incaricati di garantire la continuità aziendale, dal momento che i tempi di inattività dell’IT sono più dannosi che mai.

Il digitale dalla progettazione alla distribuzione

La tecnologia digitale sta diventando la pietra miliare di ogni parte del processo di produzione. Dalle prime fasi di progettazione e sviluppo fino alle attività organizzative e alla distribuzione: ogni fase del ciclo di vita della produzione è supportata da piattaforme digitali.

Gli stakeholder di tutta la supply chain della produzione traggono vantaggio da un approccio sempre più digitale. All’interno dell’azienda i dipendenti possono utilizzare la tecnologia per essere più collaborativi e lavorare in mobilità, mentre partner, fornitori e distributori sono meglio integrati e informati.

Il settore manifatturiero si sta rapidamente muovendo verso un punto in cui virtualmente tutto dipenderà dalla tecnologia digitale. In un ambiente in rapida evoluzione e altamente competitivo, sfruttare al meglio il digitale – e agire sulla base delle possibilità che offre – potrebbe essere fondamentale per assicurarsi un futuro.

Da un grande potere derivano grandi responsabilità IT

La crescente dipendenza dal digitale genera inevitabilmente la necessità di avere un’infrastruttura IT capace di assicurare la continuità del business. Tuttavia, le dimensioni e la complessità del digitale nella manifattura rendono questa una sfida particolarmente impegnativa. La crescita dei dati presenta di per sé potenziali insidie, dalla determinazione del luogo e delle modalità di memorizzazione, alla garanzia di un’adeguata protezione e di un rapido recupero in caso di disastro.

I team IT sono chiamati ad affrontare significative minacce esterne. I cyberattacchi sono sempre più prolifici e sofisticati; l’attacco Ransomware di WannaCry dello scorso anno sottolinea l’entità dei danni che un attacco può provocare. Il crescente utilizzo di dispositivi connessi e l’internet delle cose creano ulteriori punti di accesso da gestire, monitorare e rendere sicuri, a maggior ragione se i dipendenti utilizzano i propri dispositivi.

Anche la vecchia tecnologia di backup può rappresentare un serio ostacolo. Volvo Car Benelux, ad esempio, si era affidata ai singoli concessionari per il backup dei propri server fisici. Questo approccio si è rivelato sempre più irrealizzabile, a causa del costo d’acquisto di unità nastro aggiuntive, del rischio di errore umano e del lungo processo necessario per il recupero dei dati. Tutti questi fattori rendono difficile garantire la business continuity.

Il danno causato dal downtime

A queste pressioni si aggiunge il fatto che qualsiasi interruzione dell’attività IT può essere estremamente dannosa per le aziende manifatturiere, dal momento che l’accesso ininterrotto ad apparecchiature, applicazioni, dati e processi è vitale. Qualunque tipo di interruzione del processo può causare gravi danni e avere effetti negativi sul morale del personale, sulla fidelizzazione dei clienti e sulla reputazione dell’azienda. I danni finanziari, sia in termini di perdite immediate che di costi di opportunità, possono essere molteplici e a lungo termine.

Le aziende manifatturiere sono particolarmente vulnerabili a un availability gap, ossia un divario tra il tempo che impiegano i team IT a ripristinare le applicazioni e il tempo in cui le applicazioni dovrebbero essere effettivamente ripristinate. Questo fenomeno non è raro in tutti i settori, infatti l’80% dei decision maker IT soffre di un availability gap, che si traduce in costi totali di 21,8 milioni di dollari all’anno. Ma in un settore in cui le operazioni da mantenere attive continuamente risultano critiche, la business continuity deve diventare un elemento imprescindibile.

Assicurare la disponibilità dei dati in 4 passaggi

La disponibilità dei dati deve quindi essere una priorità per le aziende manifatturiere. Ma come è possibile garantirla?

  1. Creare un valido piano di continuità operativa

Se la creazione di una strategia per la disponibilità dei dati può sembrare semplice, è incredibile quanti piani sembrano adeguati fino a quando non vengono testati e non funzionano. I team IT devono sviluppare una strategia che protegga ogni attività aziendale critica lungo la supply chain, senza influire negativamente sulle esperienze dei dipendenti o dei partner. Una volta che il piano e i relativi sistemi sono stati messi in atto, le prove di stress vengono eseguite regolarmente per identificare eventuali punti di debolezza prima che si verifichi una catastrofe.

  1. Gestire i dati in modo intelligente

Garantire la disponibilità dei dati e delle applicazioni deve essere l’imperativo principale del piano di continuità operativa. Ciò significa utilizzare soluzioni progettate per affrontare le sfide di continuità di ambienti di produzione altamente virtualizzati e abilitati al cloud. La scelta di una soluzione di disponibilità dei dati in grado di raggiungere un tempo di ripristino inferiore a 15 minuti per tutte le applicazioni e i dati dovrebbe soddisfare i requisiti della maggior parte delle aziende, anche in caso di disastro.

Volvo, ad esempio, ha eseguito il backup delle macchine virtuali in sede utilizzando le più recenti soluzioni per la disponibilità dei dati. Questo assicurava che in caso di incendio o altra catastrofe ogni concessionario potesse recuperare una VM guasta in pochi minuti per ridurre al minimo l’impatto delle interruzioni di servizio.

  1. Tenere gli occhi (del business) aperti

La visibilità e il monitoraggio continuo sono fondamentali per prevenire i problemi e per rispondervi quando si verificano. Il monitoraggio e la reportistica in tempo reale degli ambienti virtuali consentono ai team IT di anticipare e affrontare i potenziali problemi prima che influiscano sulle operazioni. Analogamente, la visibilità end-to-end per le macchine fisiche e virtuali aiuta a prevenire possibili guasti di qualsiasi tipo di applicazione o sistema. Avere un quadro chiaro degli eventi può anche far risparmiare il tempo e il denaro necessari per soddisfare i requisiti di conformità.

  1. Proteggere il presente e il futuro

Due terzi (il 66%) dei decisori IT afferma che i tempi di inattività dell’IT ostacolano i loro sforzi nel processo di trasformazione digitale. È fondamentale che le aziende bilancino l’introduzione di nuove tecnologie con la garanzia della disponibilità dei dati, per evitare di interrompere le operazioni in corso dell’organizzazione. Le soluzioni per la disponibilità dei dati possono consentire ai team IT di testare le applicazioni e gli aggiornamenti prima che entrino in produzione. È inoltre possibile gestire, migrare e ripristinare i dati su un’infrastruttura fisica, virtuale e basata su cloud senza configurazioni complesse o investimenti hardware aggiuntivi, riducendo al minimo i costi operativi dell’introduzione di nuove tecnologie.

La base per l’Industria 4.0

La trasformazione digitale sta portando immensi benefici al settore manifatturiero e l’adozione dell’approccio industria 4.0 sarà fondamentale per le aziende che vogliono assicurarsi un futuro nel settore. Tuttavia, con l’aumento della dipendenza dal digitale, la continuità dell’attività diventa sempre più un imperativo di business. Utilizzando le più moderne soluzioni, i team IT possono creare una base affidabile per la gestione intelligente dei dati a supporto dei propri sistemi digitali. In questo modo, le imprese possono affidarsi con fiducia alle nuove tecnologie e adottare pienamente un approccio industria 4.0.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

A
Albert Zammar

Aziende

V
Veeam

Articolo 1 di 5