Analisi

Industria 4.0, i Cio scelgono automazione e analytics

Il nuovo IT Operations readiness index di Cisco: L’88% del campione individua nelle operation IT il mezzo ideale per la manutenzione predittiva e per il miglioramento della user experience. Joseph Bradley: ”I dati consentono alle aziende di guardare al futuro”

29 Nov 2018

A. S.

L’elemento fondamentale attraverso il quale le aziende trasformano il proprio modo di gestire l’IT sono i dati. E’ quanto emerge dalla nuova edizione dell’ IT operation readiness index di Cisco, realizzato su un campione di più di 1.500 responsabili IT su scala globale.

Dalla ricerca è emerso che oggi lo spazio lasciato all’innovazione è abbastanza angusto, dal momento che l’IT spende circa il 78% del proprio budget nelle attività di routine: per questo il report individua in modello in quattro “passi”, il cosiddetto “four step maturity model”, che consenta alle aziende di darsi obiettivi sfidanti e di centrarli nell’arco di due anni.

Secondo l’indagine le società più “mature” hanno riferito di raccogliere i dati da più aree della loro infrastruttura, eseguendo analisi approfondite e utilizzando l’automazione in modo diffuso. Questo nell’ottica di attuare procedure preventive, per le quali è necessario un approccio data-driven insieme all’automazione, che consente di apportare cambiamenti continuativi e mantenere uno stato ottimale. “Una volta che si procede con questo tipo di modello, è possibile guardare al futuro grazie ai dati ottenuti – spiega Joseph Bradley, global vice president, IoT, Blockchain, AI e Incubation Business di Cisco Attraverso l’analisi e l’automazione, i Cio sono in grado di reagire agli eventi, come ad esempio le interruzioni, e di monitorare e ottimizzare costantemente le loro infrastrutture in base alle previsioni delle esigenze future”.

Ma prima di intraprendere questa strada sarà importante avere a disposizione una fotografia attendibile della propria situazione, del proprio livello di adeguatezza: E’ l’operations readiness assessment, a disposizione con uno strumento di autovalutazione online. 

Call4Startup
Hai un progetto innovativo in area Energy? La Responsabilità sociale al centro della Call4Startup

Dalla ricerca di Cisco emerge inoltre che ilc campione destina in media il 28% dei budget IT per ottimizzare e portare miglioramenti alle operation IT, mentre il 68% prevede di aumentare questo budget entro un anno. Il 40% degli intervistati ha inoltre affermato di fare già “pesantemente” affidamento sui dati dell’IT per le decisioni aziendali. I vantaggi dell’approccio data driver sembrano già abbastanza chiari: l’88% degli intervistati ha dichiarato che il loro investimento in operation IT negli ultimi 12 mesi ha migliorato la soddisfazione dei clienti e l’89% ha notato miglioramenti in termini di innovazione. 

Ma se si parla di come vengono struttati i dati, risulta evidente che soltanto il 14% del campione ha raggiunto il livello più alto di funzionalità delle operation IT, mentre il 26% è ancora sul primo scalino. Infine soltanto il 26% raccoglie dati su base continuativa, e il 17% utilizza analisi automatizzate in tempo reale, mentre la maggior parte delle attività sono ancora periodiche. 

Tra le tecnologie emergenti, il 42% ha indicato l’intelligenza artificiale, mentre l82% degli intervistati raccoglie già dati operativi e relativi alle prestazioni della propria infrastruttura di sicurezza, la più importante di qualsiasi altra area IT. La sicurezza è il più chiaro esempio della necessità di ottenere informazioni e di avere il controllo in tempo reale ed è la “punta di diamante” nell’investigare operazioni data-driven. 

Se poi si dovesse individuare un punto di congiunzione tra It e Business, questo potrebbe essere rappresentato dall’IoT, che il 77% del campione giudica fondamentale per una gestione più efficiente della propria infrastruttura IT.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2