Smart metering ed energy management: come monitorare i consumi

Smart metering ed energy management: monitorare i consumi per razionalizzare i costi industriali

Acqua, luce, gas, carburanti per il mondo industriale rappresentano tra il 20 e il 30% dei costi operativi annuali ricorrenti. I contatori intelligenti aiutano a controllare utenze e costi nascosti, ottimizzando l’efficientamento energetico di tutti i cicli di produzione.

13 Lug 2021

Laura Zanotti

Smart metering e contatori intelligenti: che cosa sono e a che cosa servono? Termine in auge da diversi anni, smart metering significa misurare e tenere sotto controllo in modo più intelligente qualsiasi tipo di consumo: acqua, gas, elettricità, carburanti e ogni altra risorsa energetica a supporto dell’attività industriale. Le cartiere, ad esempio, devono presidiare la gestione delle acque reflue. Grazie all’uso di sensori che comunicano con contatori intelligenti dedicati è possibile monitorare costantemente anche i flussi di scarto e rimanere sempre conformi alle normative ambientali ma anche alle matrici di sostenibilità adottate dall’azienda. 

Smart metering: gli obblighi normativi 

Rispetto agli obblighi normativi, nell’ambito dello smart metering ad essere maggiormente impattati sono soprattutto i settori del gas e dell’elettricità che, non a caso, rappresentano quasi un terzo (28%) del mercato IoT italiano. Secondo le delibere emanate nel corso degli ultimi anni dall’Autorità di regolazione per Energia, Reti e Ambiente, tra il 2012 e il 2018, le utility hanno dovuto mettere in servizio almeno 11 milioni di contatori gas telegestiti da remoto e 7 milioni di contatori elettrici di seconda generazione mentre ulteriori 25 milioni sono previsti da qui al 2031 (Fonte: Osservatori.net 2021). Entro il 5 dicembre 2019, ai sensi dell’art. 8 del D.Lgs. 102/2014, le grandi imprese e quelle a forte consumo di energia hanno anche dovuto adempiere all’obbligo della diagnosi energetica.  

New call-to-action

Efficienza energetica dei processi produttivi: le sfide e le opportunità 

In Italia sono più di 6.900 aziende italiane, di cui 5.300 grandi imprese e 1.600, considerate imprese energivore, ovvero ad alta intensità energetica. Al di là delle normative, il manifatturiero negli ultimi anni ha iniziato a lavorare per attuare politiche di efficientamento e risparmio energetico ai fini di una maggiore profittabilità e di una elevata sostenibilità produttiva. Lo smart metering in questo senso è una risorsa fondamentale, in quanto introduce strumenti di monitoraggio e controllo che permettono di individuare non solo i consumi effettivi ma anche gli sprechi, consentendo di minimizzare i costi anche dal punto di vista manutentivo.  

smart-metering

I contatori intelligente a supporto della produzione 

Nell’ambito della produzione, quando si parla di tecnologie smart si fa riferimento al più ampio contesto dell’Internet of Things e, più nello specifico, dell’Industrial IoT. Grazie all’uso di una sensoristica avanzata e a sistemi di controllo automatizzati, i contatori, dotati di indirizzo IP univoco, diventano connessi e comunicanti. Oltre a misurare il consumo energetico e a consentire tramite display di leggere tutte le informazioni, il sistema di smart metering invia automaticamente le letture al fornitore. In questo modo si abilita un modello di telegestione che, oltre a una corretta fatturazione, garantisce massima trasparenza dei consumi e possibilità per i decisori di intervenire in un’ottica di ottimizzazione e risparmio. 

Consumi energetici poco trasparenti, funzionali ed efficienti 

Monitorare con precisione il consumo energetico e il costo relativo associato a ogni fase di produzione è estremamente complicato. Secondo gli analisti, le utenze di base rappresentano dal 3% al 30% dei costi operativi annuali (ricorrenti) complessivi. Tuttavia, molte aziende non ne conoscono l’impatto sul piano finanziario della produzione. Il consumo di utenze è spesso una voce cumulativa, considerata come un costo fisso del bilancio che non offre grandi possibilità di risparmio. Questo succede quando le aziende non dispongono di dati di consumo precisi e non aggregati, e si affidano a una stima semplificata e aggregata dell’utilizzo di risorse energetiche e dei costi annessi in tutto il ciclo produttivo, senza associare i costi maturati con l’effettivo consumo di ogni fase di produzione, splittata su ogni linea di prodotto e con un carotaggio di dettaglio che arriva a stimare anche il consumo energetico di ogni singola apparecchiatura. 

I vantaggi dello smart metering  

Accade spesso che negli impianti di produzione le misurazioni di utenze come acqua, gas, elettricità vengano effettuate manualmente dai dipendenti: il fattore umano spesso porta a errori, misurazioni imprecise o ritardi nella fornitura di informazioni. C’è anche una mancanza di accesso permanente ai dati sullo sfruttamento di utenze, soprattutto da luoghi difficili da raggiungere. Pertanto, è difficile ottimizzare il consumo di energia e trovare la causa del suo consumo eccessivo. Lo smart metering offre al mondo della produzione e della distribuzione diversi vantaggi. Oltre a portare livelli di misurazione e di monitoraggio estremamente precisi e dettagliati, abilita quell’audit energetico obbligatorio per tutte le aziende energivore, permettendo: 

  • la raccolta dei dati di consumo e di costo energetico al metro quadro di tutte le utenze 
  • l’individuazione di inefficienza e dispersioni calcolate su parametri medi di consumo 
  • la possibilità di analizzare le inefficienze per attuare interventi di miglioramento dell’efficienza energetica su tutti i siti considerati 

I plus di Comarch Smart Metering for Industry 

Comarch Smart Metering for Industry è un sistema di misurazione intelligente che consente la lettura remota dei dati dai contatori di acqua, gas, elettricità e altri servizi. Il sistema combina un dispositivo di smart metering Comarch con una piattaforma di gestione in cloud che permette di misurare e controllare facilmente il consumo di supporti per lotto di produzione e pianificare le loro consegne, garantendo sia la continuità della produzione che l’ottimizzazione dei tempi di consegna. In questo modo è possibile avere sempre piena visibilità di tutti dati di consumo dei processi produttivi, anche quelli che tipicamente sono sottostimati. 

Comarch Smart Metering for Industry tra i suoi plus permette di: 

  • verificare tariffe e capacità media ordinata mediante analisi del loro consumo e della potenza massima 
  • garantire tutto il supporto necessario in fase di verificare della contabilità rispetto alle bollettazioni dei vari energy provider 
  • segnalare guasti e situazioni critiche come, ad esempio, l’apertura di sigilli o interruzione nelle attività del parco installato 
@RIPRODUZIONE RISERVATA
Z
Laura Zanotti

Ha iniziato a lavorare come technical writer e giornalista negli anni '80, collaborando con tutte le nascenti riviste di informatica e Telco. In oltre 30 anni di attività ha intervistato centinaia di Cio, Ceo e manager, raccontando le innovazioni, i problemi e le strategie vincenti delle imprese nazionali e multinazionali alle prese con la progressiva convergenza tra mondo analogico e digitale. E ancora oggi continua a farlo...

Articolo 1 di 5