Industria manifatturiera italiana e crisi delle materie prime - Industry 4 Business

Manifatturiero

Industria manifatturiera italiana e crisi delle materie prime

Un modo efficace per fronteggiare le difficoltà che rallentano la produzione industriale è prendere decisioni rapide e incisive, basate su previsioni accurate. In questo, l’intelligenza artificiale può essere un valido aiuto

09 Lug 2021

Renato De Marco

Head of Business Development Vedrai SpA

Fin dal 2011, l’industria manifatturiera italiana soffre di un deficit di crescita strutturale generato da vari fattori, quali il perdurante clima di incertezza e la contrazione progressiva della domanda interna. A queste difficoltà se ne sono aggiunte in tempi più recenti altre, come la crisi dell’export determinato dal tracollo dell’auto tedesca (a cui siamo strettamente collegati) e la trade war nel 2019. A causa del Covid, poi, il settore manifatturiero ha subito un forte impatto negativo in termini sia di domanda, per la riduzione dei consumi, sia di offerta, per la chiusura temporanea delle attività produttive. Ma il settore manifatturiero italiano è attualmente penalizzato soprattutto da un fenomeno ormai drammaticamente noto: la scarsità delle materie prime e l’aumento incontrollato dei loro prezzi.

materie prime

Scarsità di materie prime e aumento dei prezzi

Da mesi le commodity risultano quasi introvabili e registrano abnormi incrementi di prezzo, con un impatto preoccupante sui settori manifatturieri di autoveicoli, metallurgia, prodotti in metallo, apparecchiature elettriche, legno, gomma e materie plastiche, mobili, ecc. Proprio quando riparte la domanda, le fabbriche si fermano, a causa della difficoltà a reperire materie prime e al loro costo elevato.

INFOGRAFICA
Orientati tra le opportunità del Piano Nazionale Transizione 4.0
Big Data
IoT

Le cause sono molteplici. Se nei primi mesi Covid i prezzi erano in calo, poi hanno ripreso a salire, dato che le imprese sono ripartite velocemente con l’urgenza di riempire i magazzini vuoti. Inoltre, le materie prime sono diventate un investimento attraente in quanto il prezzo è in dollari, moneta attualmente debole, e quindi vantaggiose per chi acquista in euro. Infine, non va dimenticato che i costi di trasporto sono diventati carissimi.

Se poi ci riferiamo ai metalli rari, dalle terre rare al cobalto e litio, carenza e trend esplosivo dei prezzi sembrano fenomeni inarrestabili in quanto a fronte di una richiesta sempre maggiore, dato che si tratta di elementi indispensabili alla trasformazione energetica e digitale, si registra una preoccupante concentrazione della produzione mondiale (basti pensare che la Cina detiene il controllo del 60% delle terre rare).

Indice della produzione industriale Alluminio Primario e Secondario: l’indice della produzione misura i volumi di produzione di tutti i più rilevanti stabilimenti in Italia

Crisi delle materie prime: l’AI per prendere decisioni accurate

Come, a fronte di questo quadro allarmante, il settore manifatturiero italiano può affrontare con successo la sfida crescente costituita dell’incertezza e da cambiamenti di mercato, in cui il comportamento dei consumatori è condizionato da eventi al di fuori del controllo delle imprese, amplificati dalla pandemia?

La risposta è che la pur evoluta pianificazione basata sui dati, in cui le previsioni si basano principalmente o interamente su dati interni non è più sufficiente. La domanda è infatti influenzata da molteplici fattori esterni che vanno monitorati, analizzati, rielaborati. Funzioni che solo l’intelligenza artificiale è in grado di padroneggiare compiutamente, tanto da risultare lo strumento ad hoc per le imprese che non si accontentano di affrontare sfide per sopravvivere, ma vogliono cogliere opportunità per prosperare.

L’intelligenza artificiale consente infatti di acquisire una piena comprensione dei dati di contesto delle imprese, prevedendo il futuro dei mercati e del comportamento dei clienti, il che è fondamentale per un successo competitivo e redditizio. Senza questa accurata previsione del futuro, la possibilità di guadagnare quote di mercato, allocare risorse e ottimizzare il capitale circolante è di ardua realizzazione.

Grafico a torta delle variabili che hanno impatto positivo o negativo sul trend. A destra, grafico andamento temporale di una variabile specifica

Il ricorso a soluzioni AI based per fronteggiare la crisi

Grazie a soluzioni AI based è possibile di prevedere i risultati futuri, tra cui, per connetterci alla tematica materie prime, l’elaborazione di strategie di gestione dei costi, basate sulla previsione del prezzo futuro delle commodity.

Grazie all’intelligenza artificiale è infatti possibile avere un quadro previsionale di disponibilità e prezzi attraverso il monitoraggio delle news macroeconomiche che influenzano i prezzi di una materia prima, così come analizzare tecnicamente i mercati, con un controllo pressoché completo di tutti i principali indicatori (come Stocastico, MACD, RSI). L’AI può inoltre suggerire il percorso decisionale ottimale per assicurarsi le materie prime al miglior prezzo (negoziare accordi migliori con i fornitori, ottenere preventivi da altri fornitori come leva durante la negoziazione, acquistare tramite agenti di approvvigionamento o liquidatori di aziende che vendono scorte di materie prime in eccesso, individuazione di materie prime alternative) e ottimizzare o aggiornare il processo di produzione al fine di utilizzare meno materie prime.

Più in generale le soluzioni AI based consentono alle aziende di prendere decisioni migliori, fondate su informazioni in tempo reale sul loro settore, i loro mercati e la domanda dei loro prodotti, con il costante monitoraggio di dati mondiali e l’identificazione di rischi economici futuri. Per guidare in modo personalizzato le decisioni di acquisto, produzione, ecc, le previsioni possono riguardare diversi ambiti: le dinamiche, le tendenze e le proiezioni del mercato manifatturiero; le preferenze e i driver di consumo dei clienti; le nuove opportunità di mercato, ecc.

Conclusioni

In sintesi, utilizzando gli indicatori anticipatori più predittivi specifici di una determinata azienda manifatturiera, si possono identificare e monitorare tutti i driver, mettendo a disposizione degli imprenditori informazioni basilari per la pianificazione per il futuro. La piena comprensione di tutti i fattori che influenzano la domanda, consente così alle aziende manifatturiere di essere attrezzate per affrontare al meglio la volatilità futura.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
D
Renato De Marco
Head of Business Development Vedrai SpA
Argomenti trattati

Approfondimenti

I
industria 4.0

Articolo 1 di 5