Come la blockchain sta modificando la supply chain - Industry 4 Business

Supply chain

Come la blockchain sta modificando la supply chain

Le supply chain sono un flusso continuo di dati, se avessimo dati migliori avremmo una pipeline di dati che torna alla fonte, nella “matrice” della supply chain. Le catene di fornitura potrebbero effettivamente diventare catene di dati se le sviluppassimo correttamente

13 Nov 2020

Alessandro Rubino

avvocato

In molte aziende, quando si parla di “spostare un prodotto”, c’è una rete, che immagazzina e consegna questo prodotto a clienti, magazzini e distributori. Questa rete è generalmente nota come catena di distribuzione, o fornitura, o semplicemente supply chain. È una dimensione in costante movimento dell’infrastruttura aziendale difficile da tracciare. Difficile ma non impossibile, anche se le catene di distribuzione si prestano generalmente a un’analisi reattiva, piuttosto che proattiva. Questo sta per cambiare.

“Block-supply-chain”

La tecnologia dei registri distribuiti (DLT), altrimenti detta blockchain, viene applicata alle infrastrutture tradizionali della supply chain per invertire le logiche di mercato e creare catene di distribuzione. Così invece di aspettare che il mercato reagisca a un prodotto, una chain della domanda idealmente reagirebbe direttamente e in tempo reale ai comportamenti dei consumatori e avrebbe i dati collegati fino al punto dell’offerta effettiva. In effetti, la domanda di mercato potrebbe essere soddisfatta automaticamente non appena esiste, invece di aspettare che l’offerta totale si esaurisca.

Ciò consentirebbe alle imprese non solo di disporre di una grande quantità di dati sulla catena di approvvigionamento, ma anche di riformare i processi della catena di approvvigionamento per diventare più efficienti e creare un futuro più sostenibile.

Supply chain come blockchain

Considerate il semplice atto di sostituire una comunicazione con un’interazione artificiale. Immaginiamo ad esempio di dover sostituire un qualsiasi pezzo della nostra auto, ad esempio uno pneumatico scoppiato o di sostituire l’olio. Conosciamo tutti la serie di azioni necessarie da intraprendere. E se queste azioni avvenissero automaticamente? Quando avviene l’”incidente”, l’auto segnala l’incidente all’officina del servizio di riparazione più vicina non solo per un traino, ma per le specifiche esatte dell’accaduto. L’officina invia quindi quel messaggio più in alto nella catena di fornitura al magazzino che fa scattare la produzione per la sostituzione. Il magazzino invia una richiesta al produttore in questione in via diretta.

Questo fa scorrere la catena di fornitura all’indietro come una catena di domanda.

Questo tipo di visibilità è possibile solo con una transazione contabile, la quale si basi su fiducia, in tutte le fasi della comunicazione. Deve creare una situazione in cui le persone si fidano dei dati che si muovono su e giù per la catena. In definitiva, una catena della domanda significherebbe un cambiamento nella produzione effettiva.

Offerta esatta, domanda soddisfatta

L’offerta sarebbe esatta ed eliminerebbe gli scarti nel sistema, dal magazzino al trasporto fino allo stock del rivenditore. Le scorte in eccesso a qualsiasi livello, gli ordini imprecisi basati su un’offerta errata sono tutti punti della catena in cui si perde denaro. Basare l’offerta sulla domanda cambierebbe la situazione e ridurrebbe i costi e le perdite.

Certo, ci sarebbero ritardi nell’informazione e nella reazione in un tale sistema, ma esso trasformerebbe le strutture del mercato e creerebbe un sistema di risposta rapida della domanda molto efficace che potrebbe essere modificato a metà flusso.

Una blockchain perfetta significherebbe che il livello successivo in basso è sempre consapevole delle richieste più in alto nella catena di fornitura e di ciò che è già potenzialmente pagato. Oggi produciamo l’offerta sulla base della storia, la immettiamo sul mercato e speriamo che la domanda esista ancora. L’efficienza emergerà tanto più rapidamente quanto più rapida sarà la domanda. Naturalmente, non si vedrà un rifornimento immediato, ma la catena di approvvigionamento si “rifornirà’” da sola, rapidamente e senza interferenze.

Con le blockchain possiamo reagire sulla domanda reale invece di utilizzare strettamente i dati storici per le previsioni.

La creazione di catene di domanda con l’utilizzo di registri distribuiti è una delle grandi tendenze in discussione nei circoli della supply chain in questo momento. Non potrà mai essere perfetto, ma porterà la consegna just-in-time a nuovi livelli di precisione. Le catene di distribuzione potrebbero cambiare le carte in tavola a ogni livello della catena di fornitura, da una gestione efficiente del magazzino a non avere camion fermi e migliorare la gestione sostenibile della catena di fornitura. Ora tutto ciò di cui ha bisogno sono i dati.

Supply chain come dati: il caso Novo Nordisk

Una nota azienda azienda sanitaria globale, la Novo Nordisk, ha annunciato i piani per garantire che i suoi fornitori diretti forniscano l’azienda al 100% di energia rinnovabile entro il 2030. Si tratta di un’impresa enorme per ripensare e riprogettare completamente una catena di fornitura che comprende 60mila fornitori diretti.

Come fa un’azienda a valutare ogni fase del processo della catena di fornitura per comprendere il pieno impatto sulla sostenibilità?

Questo può essere ottenuto se riusciamo a creare un gemello digitale per ogni prodotto e a utilizzare tecnologie di contabilità distribuita per garantire la responsabilità e la fiducia nei dati riportati da ogni attore lungo la catena di fornitura. Con questo possiamo creare catene di dati con visibilità di ogni fase del processo di supply chain. Poi si tratta di decidere quale tipo di dati viene considerato per cambiare il modo in cui un’azienda fa affari.

Trovare la sostenibilità anche nelle catene di distribuzione

Questi dati aggiuntivi aiutano a comprendere il pieno impatto del cambiamento dei processi della catena di fornitura. Oggi lo facciamo attraverso audit e test a campione – utilizzando un campionamento dei dati al termine del processo. Con le catene di dati possiamo collegare specifici elementi alla catena di fornitura; da dove provengono, esattamente a che ora sono stati prodotti e così via.

Una catena di dati correttamente implementata in cima a un sistema di distribuzione creerebbe l’incubatore perfetto per le autorità di regolamentazione, i consumatori e gli altri responsabili delle decisioni per adattare il nostro sistema di produzione globale agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Con ogni fase del processo che comunica direttamente con l’ultimo, si creerebbe una “tempesta perfetta” di dati che consentirebbe alle aziende di riformare i loro processi per raggiungere un livello di sostenibilità accettabile.

Se vogliamo agire con un’elevata ambizione di sostenibilità, dobbiamo ripensare i nostri processi di supply chain. La creazione di catene di fornitura con un flusso di dati costante di ogni punto di contatto si tradurrà in un processo di supply chain più snello e meno dispendioso e con piena visibilità dell’impatto delle nostre scelte. Questo è ciò a cui le aziende devono iniziare a fare.

La domanda di cambiamento c’è, dobbiamo solo soddisfarla.

Tale processo può essere compreso con una maggiore visibilità dei dati della catena di fornitura, soprattutto per quanto riguarda i criteri di sostenibilità.

In definitiva le catene di fornitura sono un flusso continuo di dati. E se avessimo dati migliori, avremmo una pipeline di dati che torna alla fonte. Saremo nella “matrice” delle supply chain. Quindi le catene di fornitura potrebbero effettivamente diventare catene di dati se le sviluppassimo correttamente, in modo da poter arrivare a quell’alto livello di visibilità.

Dobbiamo pensare al commercio come a pipeline di informazioni.

Quindi, se vogliamo cambiare per adattarci a diversi criteri di sostenibilità, dobbiamo considerare i dati della catena di fornitura che possono essere rilevati con la giusta tecnologia e metodologia.

FACILITY MANAGEMENT: COME RENDERE PIÙ EFFICIENTI I SERVIZI ALLE PERSONE E AGLI EDIFICI

@RIPRODUZIONE RISERVATA
R
Alessandro Rubino
avvocato

Articolo 1 di 5