Smart Solutions

Mobilità urbana: thyssenkrupp e Schindler riducono il rischio di contagio

Da gel igienizzanti e pellicole antibatteriche a purificatori d’aria automatici, da assistenti vocali per chiamare l’ascensore al fascio di luce ultravioletta per sterilizzare l’ambiente. Sono tante le innovazioni proposte da thyssenkrupp Elevator e Schindler per minimizzare il rischio di contagio nell’utilizzo di ascensori, scale e tappeti mobili

03 Giu 2020

Claudia Costa

Abbiamo tutti compreso come le modalità di trasmissione del Coronavirus siano piuttosto insidiose e come superfici quali maniglie, interruttori, ma anche pulsantiere di ascensori e corrimani di scale e tappeti mobili, rappresentino punti di contatto potenzialmente veicolo d’infezione. Un pericolo che aumenta vertiginosamente in ambienti caratterizzati da un’elevata concentrazione di utenti quali stazioni, aeroporti, centri commerciali, ospedali e spazi fieristici. Considerato poi che l’ascensore è uno dei mezzi di trasporto più utilizzati al mondo e che l’Italia con 463 mila edifici dotati di almeno un impianto elevatore, è il primo paese europeo per parco ascensori, è importante e necessario sfruttare tutte le tecnologie disponibili per renderli più sicuri, evitando il rischio di contagio. Per garantire protezione e sicurezza ai tempi del Covid-19, thyssenkrupp Elevator e Schindler, due gruppi specializzati nell’installazione e manutenzione di sistemi di trasporto passeggeri sia in ambito pubblico che privato, hanno sviluppato una gamma completa di soluzioni innovative e all’avanguardia per ripartire garantendo la mobilità urbana di sempre nel rispetto della salute di tutti gli utilizzatori.

Da thyssenkrupp Elevator assistente vocale, termoscanner e purificatore d’aria

Il gruppo tedesco thyssenkrupp Elevator ha sviluppato anzitutto una nuova piattaforma per il riconoscimento vocale, che permette ad ogni passeggero di chiamare l’ascensore fuori dalla cabina e comunicare il numero del piano una volta entrato. L’assistente vocale, sfruttando il WiFi o il 4G eviterà il contatto diretto con i pulsanti, punti di facile deposito di virus e batteri, riducendo così le possibilità di contagio.

Un purificatore d’aria automatico sanifica in maniera continuativa, grazie ad un filtro HEPA (High Efficiency Particulate Air filter) ad elevata efficienza di fluidi e una membrana ai carboni attivi per un ricambio istantaneo. Una volta prelevata dalla cabina, l’aria verrà filtrata e purificata da virus e batteri ed infine, immessa nuovamente nell’ambiente.

Un faretto LED emette fascio di luce ultravioletta UV-C, che garantisce una sterilizzazione completa e istantanea di superfici e oggetti in cabina. Grazie alla tecnologia germicida UVGI (Ultraviolet Germicidal Irradiation), testata a livello sanitario e impiegata per la sanificazione degli ambienti ospedalieri, elimina la quasi totalità (99,9%) dei microrganismi presenti sulle superfici, attivandosi in automatico solo in assenza di passeggeri a bordo. Gli UV saranno utilizzati anche per la decontaminazione dei corrimani delle scale mobili, e dei tappeti mobili installate nei luoghi pubblici come stazioni ferroviarie e metropolitane, oppure privati come centri commerciali e musei.

Una telecamera termica serve a identificare un aumento anomalo della temperatura, che porterà all’attivazione di un segnale di avvertimento alla direzione dell’edificio per identificare le persone con temperatura sopra i 37,5 gradi e adottare i dovuti protocolli di sicurezza.

Rimangono comunque e sempre validi alcuni accorgimenti per tenere a distanza il virus che thyssenkrupp riassume in: salire in ascensore preferibilmente da soli; utilizzare la scala mobile mantenendo la distanza di un metro dagli altri utenti; coprire le dita con un panno o un guanto monouso per evitare di toccare direttamente la pulsantiera dell’ascensore o il corrimano delle scale mobili; lavarsi le mani dopo ogni viaggio.

WHITEPAPER
Quali elementi considerare per capire se si è vulnerabili agli hacker?
IoT
Sicurezza

Schindler Hygienic: innovazione e tecnologia per ascensori e scale mobili virus-free

Schindler Hygienic è la nuova linea di prodotti e soluzioni studiata dal Gruppo svizzero specializzato nella progettazione, installazione, manutenzione e modernizzazione di ascensori, scale e tappeti mobili per ogni tipologia di edificio, che ne garantisce la sanificazione costante, non paragonabile a nessuna operazione manuale, anche se svolta regolarmente da personale specializzato.

Schindler Hygienic si compone di 6 diversi prodotti, per soddisfare le necessità di contesti e utilizzi differenti.

  1. UV CleanTouch è il sistema di sanificazione del corrimano di scale e tappeti mobili che sfrutta ancora una volta l’azione dei raggi UV-C germicidi emessi da lampade a LED installate all’interno della macchina. Il dispositivo non lascia alcun tipo di residuo sulle superfici; l’installazione interna preserva gli utenti da qualsiasi interazione diretta e potenzialmente dannosa con i raggi UV-C e garantisce l’assenza di ostacoli nelle zone di accesso e uscita dalle scale mobili e la protezione da eventuali urti o atti vandalici.
  2. UV CleanLight e UV CleanLight Pro servono a sanificare le zone critiche per la trasmissione di batteri, virus e microrganismi patogeni all’interno dell’ascensore, come la pulsantiera, il corrimano e le pareti. Anche in questo caso, entra in gioco la tecnologia germicida propria dei raggi UV-C. I dispositivi si integrano con qualunque tipologia di ascensore, su cui possono essere installati in modo semplice e rapido, e sono stati pensati per funzionare in massima sicurezza con tecnologia «FailSafe», attivandosi solo tra un intervallo di utilizzo e l’altro e in assenza di passeggeri. UV CleanLight Pro, avendo dimensioni maggiori, prestazioni elevate e diverse finiture estetiche, è adatto ad un utilizzo in ambito professionale e pubblico (uffici, hotel, ospedali, stazioni ferroviarie e metropolitane, aeroporti, ecc.).
  3. CleanAir è il sistema di purificazione dell’aria nella cabina dell’ascensore. Posizionato sulla parete, in prossimità del cielino, è un dispositivo che, sfruttando la tecnologia germicida dei raggi UV-C, aspira l’aria, la sanifica da virus, batteri e altri microrganismi patogeni presenti nell’aria e la reimmette purificata nell’ambiente. Non prevede l’utilizzo di solventi chimici, non emette ozono e permette la sanificazione dell’aria a ciclo continuo anche in presenza di persone in cabina. CleanAir condivide lo stesso design di UV CleanLight e UV CleanLight Pro, ai quali può essere abbinato per creare un sistema di sanificazione completo per l’ascensore.
  4. CleanCover è la pellicola protettiva antibatterica studiata per rivestire le pulsantiere di piano e di cabina dell’ascensore che, attraverso il rilascio di agenti antibatterici, abbatte fino al 99% dei più comuni batteri presenti su queste superfici. CleanCover facilita inoltre le operazioni di pulizia e igienizzazione delle pulsantiere, evitando al contempo danni agli stessi pulsanti e ai componenti elettronici delle stesse. Il prodotto mantiene l’attività antibatterica anche dopo 365 lavaggi con acqua, alcol e candeggina.
  5. CleanHand è il dispositivo touchless che eroga un igienizzante per mani con contenuto alcolico superiore al 60% grazie al quale gli utenti dell’ascensore possono disinfettarsi le mani prima e dopo l’utilizzo dello stesso. CleanHand può essere fissato alla parete in prossimità dell’ascensore in modo inamovibile o posto a terra tramite una piantana, non ha necessità di collegamenti elettrici perché funziona a batterie e ha un serbatoio facile da riempire.
  6. Kit informativi costituiti da pannelli e adesivi applicabili ai contesti più diversi, finalizzati a sensibilizzare al rispetto delle principali norme igieniche e al mantenimento della distanza sociale durante l’utilizzo di ascensori, scale e tappeti mobili riducendo il rischio di infezione.

Immagine fornita da Shutterstock.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3