Smart energy

Nazca: l’Energy saving è più efficace se il partner gestisce tutti i servizi

La società attiva nel facility management propone ai suoi clienti anche servizi di energy management, che partono dalla profonda conoscenza delle problematiche degli impianti

21 Mag 2020

Gianluigi Torchiani

Ignazio Alessandro, Head of Business development di Nazca

Le spese e le inefficienze legate all’energia non arrivano dal nulla ma sono in buona parte legate a problematiche di varia natura di tutti quegli impianti che consumano elettricità e calore. Parliamo ad esempio dei sistemi di illuminazione, degli impianti di condizionamento, dei motori industriali, ecc. Chiaramente, la perfetta conoscenza del funzionamento degli stessi può rappresentare il punto di partenza fondamentale per mettere a punto degli interventi di efficientamento completi ed esaustivi. In questo senso l’energy management si incrocia con un’altra prospettiva, quella del facility management, ossia della gestione e manutenzione di tutti i servizi non core ma funzionali all’attività di un’impresa. Questo è proprio l’ambito di azione in cui è impegnata da oltre 25 anni Nazca, come racconta Ignazio Alessandro, Head of Business Development: “Operiamo nell’ambito del facility management, con la caratteristica di erogare servizi alle imprese con il nostro personale dipendente. Siamo attivi nella progettazione, installazione e manutenzione di impianti tecnologici, ma abbiamo competenze anche nei cosiddetti soft services (pulizie, fattorinaggio, ecc). Il raggio di azione di Nazca è soprattuto l’intero territorio nazionale, ma operiamo anche all’estero in Slovenia e in Francia. I nostri segmenti di mercato di riferimento sono il corporate building, l’industria, la logistica, il retail e la grande distribuzione e il ricettivo. Abbiamo insomma una clientela piuttosto variegata”.

L’efficienza energetica all’interno del facility management

Come accennato in precedenza, tra le diverse attività di facility management gestite da Nazca ci sono tutte quelle che vanno oltre il classico core business aziendale dei nostri clienti, che possono essere catalogate nei servizi all’edificio (ad esempio manutenzione), servizi allo spazio (ad esempio l’arredo) e servizi alla persona. Quest’ultima macroarea, in particolare, è quella che ha a che fare con il mondo dell’energia, dal momento che vi ricade la gestione delle cosiddette utilities, vale a dire la fornitura di luce, acqua e gas. Leonardo Volpicella Direttore tecnico di Nazca ci spiega “Quando entriamo in contatto con un cliente, ad esempio a seguito della vittoria di una gara per i servizi di facility, possiamo avere in gestione anche l’energy management, ovvero l’amministrazione e controllo dei consumi energetici aziendali. In questo caso una parte dei servizi da noi erogati riguarda l’ottimizzazione dei processi aziendali, con l’obiettivo di aumentare l’efficienza degli impianti nell’utilizzo dell’energia, così anche da ottenere un abbattimento dei costi, che ovviamente rappresenta l’obiettivo prioritario del cliente finale”.

Gli interventi possibili

Sostanzialmente la prima attività che viene effettuata dal team di Nazca è una rigorosa due diligence degli impianti, che permette di comprenderne lo stato di funzionamento e, in particolare, il grado di assorbimento energetico. L’ingegnere Volpicella aggiunge “Quando un impianto è infatti vicino alla fine del suo ciclo vita presenta infatti inevitabilmente un consumo maggiore di energia. Una volta individuate le sacche di inefficienza, è poi possibile mettere in atto degli interventi volti a finalizzare la riduzione dei consumi energetici.” Nell’ottica di Nazca diventa spesso complicato effettuare interventi di efficientamento su impianti già funzionanti, anche perché si tratta di far digerire al committente investimenti notevoli rispetto a un beneficio di breve termine. L’unica eccezione, che presenta payback inferiori all’anno, è rappresentata dal rifasamento, ossia da quegli interventi volti a migliorare il fattore di potenza di un dato carico, allo scopo di ridurre il valore della corrente che circola nell’impianto. Una soluzione ideale può essere quella di procedere alla sostituzione dei vecchi impianti con sistemi di nuova generazione, di norma più efficienti da un punto di vista dei consumi energetici. Importante è anche procedere al relamping degli impianti di illuminazione, grazie all’installazione di sistemi a Led, che possono portare a un buon abbattimento dei consumi elettrici.

I benefici

Inoltre, con NAZCA WFM, il sistema informativo sviluppato internamente, si ha la possibilità di gestire i dati tecnico-funzionali relativi alla gestione del calore e degli impianti, garantendo il monitoraggio dei consumi energetici e l’utilizzo razionale delle risorse collegate all’impiego degli asset. “Le possibilità sono diverse quando si progetta l’edificio con il committente fin dall’inizio: in questo caso abbiamo la possibilità di fare della domotica e dell’automazione, controllando il flusso dell’energia già in sede progettuale. L’aspetto da sottolineare è che, dal momento che siamo un’azienda di facility, che già conosce e gestisce gli impianti di un cliente, abbiamo la possibilità di ottenere dei benefici aggiuntivi anche da un punto di vista energetico, grazie alla conoscenza degli impianti stessi, che è poi il fulcro della riduzione dei costi”, conclude Alessandro.

Facility Management - Guida alle soluzioni tecnologiche per ottimizzare i servizi

@RIPRODUZIONE RISERVATA
T
Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore Gruppo Digital 360

Articolo 1 di 5