Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Smart Manufacturing

Come la Realtà aumentata e la realtà virtuale stanno trasformando il mondo industriale

Due delle caratteristiche principali di queste tecnologie sono la semplicità di utilizzo e la diretta percezione dei vantaggi che ne derivano. Con grandi ripercussioni anche in ambito industriale

02 Mag 2019

Elisa Convertini

Sergio Terzi

È ormai risaputo che negli ultimi anni le aziende industriali stanno attraversando un’era di rivoluzione (la Quarta Rivoluzione Industriale o Industria 4.0), fortemente basata sull’innovazione digitale. Diverse tecnologie digitali sono oggigiorno in grado di abilitare soluzioni di efficienza e di efficacia, valorizzando la conoscenza aziendale e i dati digitali.

Tra queste tecnologie abilitanti, vi sono anche la Realtà Aumentata e la Realtà Virtuale. Nate tempo addietro, stanno recentemente riscontrando sempre più interesse tra le aziende, grazie alla crescita delle applicazioni e alla continua evoluzione delle piattaforme, sia hardware che software.
Con Realtà Aumentata si intende quella tecnologia che permette di integrare in real time informazioni provenienti dal mondo reale con contenuti digitali (es. video, suoni, immagini 3D) processati da un computer. La Realtà Virtuale invece è un ambiente realizzato (o meglio simulato) da un computer, interattivo, multidimensionale, all’interno del quale una persona si ritrova immersa.

A prescindere dall’hardware che si decide di utilizzare, che sia un paio di smart glasses, o un’applicazione su tablet o smartphone, le opportunità che queste tecnologie stanno portando sul mercato sono sempre più evidenti. Due delle caratteristiche principali di queste tecnologie sono la semplicità di utilizzo e la diretta percezione dei vantaggi che ne derivano. Infatti, proprio questi aspetti sono quelli che stanno spingendo molte realtà ad avvicinarsi velocemente a questo mondo aumentato e/o virtuale in termini di applicazioni e sviluppi in ambiti anche diversi da quello industriale: turismo, sanità, gaming, retail, education, solo per citare i principali.
Sebbene le innovazioni più diffuse in merito a queste tecnologie siano solitamente associate ad ambiti e contesti apparentemente lontani da quello industriale, è ormai convinzione di molti credere che anche le realtà industriali possano cogliere benefici importanti da queste nuove soluzioni.

Focalizzandoci sul settore industriale, le aziende analizzate dal nostro Osservatorio Industria 4.0 hanno avviato diversi progetti, nei seguenti ambiti applicativi:
• Sviluppo Nuovo Prodotto: queste soluzioni consento di ridurre il tempo di sviluppo di un nuovo prodotto e i relativi costi, migliorando la comunicazione e condivisione delle informazioni all’interno del team di lavoro a cui è stato affidato un progetto di sviluppo, evitando tra le altre cose di dover produrre fisicamente un prototipo ed operando direttamente su una rappresentazione virtuale o aumentata dello stesso.
• Logistica: le soluzioni sono un supporto per le attività di picking, permettendo di ridurre gli errori e di aumentare la produttività degli operatori. In questo caso è la Realtà Aumentata ad essere preferita come soluzione (sia con smart glasses, sia con tablet in funzione del livello di libertà di movimento delle mani richiesto agli operatori) poiché è necessario interagire con l’ambiente reale.
• Assemblaggio e Produzione: le tecnologie in questo ambito applicativo supportano gli operatori durante lo svolgimento di una serie di task attraverso una procedura step-by-step. Così come per le applicazioni di picking, anche in questo caso è la Realtà Aumentata (con gli smart glasses) ad essere la soluzione ottimale, lasciando completa libertà di movimento all’operatore. Le aziende possono incrementare l’efficienza del lavoro ma anche l’accuratezza, riducendo tempi, costi, e anche a volte il livello di esperienza richiesto dagli operatori.
• Manutenzione e Supporto: smart glasses e applicazioni per tablet e smartphone per realtà aumentata possono essere un concreto supporto durante le operazioni di manutenzione: i tecnici possono contattare gli esperti a distanza per una guida sulla risoluzione dei problemi, o semplicemente consultare documentazione “aumentata” durante lo svolgimento delle attività. Tra i principali benefici ritroviamo la riduzione degli errori e del tempo di training, velocità di svolgimento dei task, degli interventi e delle comunicazioni.
• Training: per le attività di training e formazione sul campo è possibile utilizzare entrambe le soluzioni per poter imparare a svolgere una determinata attività. I principali vantaggi sono relativi alla riduzione di tempi e costi di formazione e all’incremento del livello di qualità del prodotto (meno scarti).

Per un’azienda che oggi decide di provare ad avviare progetti di Realtà Aumentata e Virtuale, è disponibile una vasta gamma di tecnologie (hardware e software) con caratteristiche tecniche specifiche; molte sono le realtà industriali che ad oggi hanno deciso di introdurre queste soluzioni digitali, ma molte sono ancora le sfide e gli ostacoli che le stesse si trovano ad affrontare: trovare la corretta soluzione per le proprie esigenze, giustificare gli investimenti e quantificare i benefici ottenibili, sviluppare o acquistare competenze di simulazione, identificare i corretti partner di progetto, solo per citare le principali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
C
Elisa Convertini

Ricercatrice dell’Osservatorio Industria 4.0 del Politecnico di Milano

T
Sergio Terzi

Direttore dell’Osservatorio Industria 4.0 del Politecnico di Milano

Argomenti trattati

Aziende

P
Politecnico di Milano

Approfondimenti

R
realtà aumentata
R
realtà virtuale

Articolo 1 di 5