Finanziamenti

Competence center: in arrivo 113 milioni di euro del PNRR per l’innovazione delle PMI

I fondi consentiranno di accompagnare sempre più imprese verso la digitalizzazione. Made 4.0, in particolare, mira a creare oltre 300 nuovi progetti ogni anno per sostenere la transizione digitale e sostenibile della manifattura italiana

Pubblicato il 04 Apr 2023

event-driven architecture

In arrivo 113,5 milioni di risorse PNRR per il rifinanziamento della rete nazionale dei competence center: i fondi consentiranno di accompagnare sempre più imprese verso la digitalizzazione. In particolare, il finanziamento che Made 4.0 riceverà per i prossimi due anni è ancora in fase di definizione, ma sarà superiore ai 10 milioni di euro (fino a un massimo di 20). Il competence center sta studiando il modo più veloce ed efficiente per rendere disponibili alle imprese i fondi a disposizione. L’idea è di fare un bando a sportello per ridurre al massimo i tempi di attesa e massimizzare la velocità di erogazione degli investimenti alle PMI italiane.

“Inserire queste risorse in un percorso di lungo periodo”

“I fondi del Pnrr rappresentano una grande possibilità per la manifattura del Paese e mi auguro che la politica industriale italiana sappia guardare ben oltre al Pnrr inserendo queste tipologie di finanziamento in un percorso strutturato e di lungo periodo” – sottolinea Marco Taisch, Presidente di Made 4.0. “La digitalizzazione delle nostre imprese deve riguardare soprattutto la meccanica e l’automazione che, grazie alle loro macchine tecnologicamente avanzate, consentono al Made in Italy italiano di fare il vero salto di qualità. Per questo motivo è fondamentale sostenere i produttori italiani di beni strumentali nel diventare più competitivi”.

Oltre 300 nuovi progetti ogni anno

“Con questo secondo finanziamento Made 4.0 si pone l’obiettivo di creare oltre 300 nuovi progetti ogni anno”, prosegue Marco Taisch. “La modalità dei bandi a sportello, che assegnerà le risorse ai progetti valutati positivamente sulla base dell’ordine cronologico di presentazione e fino a esaurimento dei fondi disponibili, ci consentirà di sfruttare al massimo tutte le risorse messe a disposizione dal Pnrr per sostenere la transizione digitale e sostenibile della manifattura italiana”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5