Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ricerche

Logistica 4.0: l’evoluzione digitale dei processi logistici industriali

La Logistica 4.0 può tradursi in una maggiore integrazione di filiera. Se ne occupa una speciale ricerca condotta dal Laboratorio RISE dell’Università di Brescia

20 Mag 2019

Andrea Bacchetti

Marco Ardolino

La logistica è da sempre colonna portante dell’industria globale. Proprio per la sua importanza, sia nel settore della distribuzione organizzata, sia in quello manifatturiero, è sempre più frequentemente oggetto di trasformazioni radicali, aventi l’obiettivo di abbattere sprechi / costi e migliorare il servizio a cliente.
La volontà di raggiungere questi obiettivi sta portando le aziende a rivedere in ottica migliorativa i propri processi logistici, (anche) attraverso l’introduzione di nuove tecnologie digitali. In questo senso, possiamo parlare per davvero di “Logistica 4.0”. Basti pensare all’impiego di veicoli a guida autonoma nei magazzini per incrementare efficienza ed efficacia delle operazioni di picking o all’impiego di algoritmi di intelligenza artificiale per migliorare l’accuratezza della previsione della domanda e quindi il corretto dimensionamento & posizionamento delle scorte ai vari nodi della supply chain.

Di conseguenza, abbracciare il paradigma della “Logistica 4.0” significa muoversi verso una maggiore integrazione di filiera, in cui sia possibile tra i diversi attori uno scambio di informazioni in real time, tale da poter prendere decisioni più tempestive e consapevoli, potenzialmente orientate all’ottimo globale piuttosto che a quello locale. Tipicamente infatti, le supply chain tradizionali (3.0), sono caratterizzate dalla mancanza di informazioni complete e “pulite” e, proprio per questo, non sono in grado di far fronte con elasticità a variazioni inattese di scenario (es. picco di domanda, variazione del lead time di approvvigionamento da monte). La “Logistica 4.0” mira a, tra i vari obiettivi che si pone, andare oltre a questo limite, attraverso l’impiego integrato ed armonico di tecnologie IT (Information Technology – Internet of Things, sw di big data analytics, cloud) e OT (Operational Technology – robot collaborativi, agv, droni, visori di realtà aumentata), offerti da un numero crescente di provider tecnologici.

Alla luce di questo trend in atto, il Laboratorio RISE dell’Università degli Studi di Brescia (www.rise.it), ha progettato e sta ora erogando la propria ricerca “LOGISTICA 4.0”. Il principale obiettivo di questa indagine è analizzare e comprendere il livello di conoscenza e adozione delle tecnologie digitali all’interno dei processi logistici delle aziende manifatturiere Italiane, con focus sui benefici ottenuti rispetto allo scenario iniziale (3.0).
Se sei un’azienda manifatturiera con almeno un plant produttivo in Italia, hai l’opportunità di partecipare gratuitamente alla ricerca compilando il questionario on-line accessibile qui 

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

L
Laboratorio RISE

Approfondimenti

L
logistica
L
logistica 4.0

Articolo 1 di 5