Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Evento

SPS Italia 2020: nuovo logo e nuovo nome per la decima edizione

A maggio la decima edizione di SPS Italia, che per l’occasione cambia logo, acronimo, amplia i propri orizzonti. Nel frattempo, le tavole rotonde di avvicinamento: il 30 gennaio a Milano focus sulla Smart Production e sull’Additive Manufacturing, in collaborazione con il MADE e Formnext

30 Gen 2020

Mancano quattro mesi al decimo anniversario di SPS Italia, la fiera di riferimento per l’automazione e il digitale per l’industria. A Milano Messe Frankfurt ha presentato il programma, i contenuti e gli obiettivi di questa edizione, che si svolgerà come di consueto a Parma dal 26 al 28 maggio prossimi.

Finora la manifestazione ha mantenuto un legame molto stretto con il mondo industriale e dell’automazione. SPS IPC Drives faceva riferimento ai PLC (dal tedesco Speicher Programmierbare Steuerung) ai PC industriali (IPC) e agli azionamenti (per l’appunto i Drives). Con la decima edizione, SPS sceglie un riferimento più smart decidendo di cambiare logo e nome.

Smart Production Solutions” è l’acronico con cui si identifica. Donald Witch, amministratore delegato di Messe Frankfurt, e Francesca Selva, Vice Presidente, hanno spiegato che rispecchia le tendenze attuali: non solo hardware, ma anche software e tutte le tecnologie IT come cloud, big data, intelligenza artificiale, machine learning e digital twin, che rappresentano veri e propri abilitatori di una trasformazione digitale che sta attraversando in modo sempre più pervasivo tutto il mondo industriale.

Per saperne di più, leggi l’articolo dedicato qui.

SPS 2020: be smart, be additive

Dopo la nona edizione che si è caratterizzata per 854 espositori, in crescita del 6% rispetto all’anno precedente, e oltre 41.500 visitatori (+18%), per il 2020 SPS si presenta con una novità.

All’interno del District 4.0, accanto alle Smart Production Solutions, uno spazio all’Additive Manufacturing. Tecnologie abilitanti per l’industria del futuro e parte integrante del processo produttivo.

“Be smart, be additive” è il claim, a indicare quanto le tecnologie additive non abbiano a che fare solo con l’intelligenza, bensì con tutto il contesto di Industria 4.0, nei settori aerospaziale, automobilistico, medico, odontotecnico, meccanico, oil & gas, edilizio, sanitario ecc.

Tavole itineranti di avvicinamento a SPS Italia

Nel 2014, nascono i Forum che rendono SPS un evento che copre l’intero anno. L’anno successivo, si comincia a parlare di fil rouge, o di filiere. Le giornate tematiche sono ormai un consolidato di SPS e per il 2020 già è pronto un calendario di eventi.

  • Il 30 gennaio a Milano focus sulla Smart Production e sull’Additive Manufacturing, in collaborazione con il MADE, il competence center guidato dal Politecnico di Milano, e con Formnext;
  • A febbraio a Roma, la giornata sarà dedicata al Pharma 4.0 e sviluppata proprio in collaborazione con ISPE;
  • A marzo a Modena, presso la Florim Gallery, si parlerà di Macchine intelligenti e dell’evoluzione della robotica;
  • Ad aprile a Bari, si parlerà invece di meccatronica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5