Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SPS Italia si avvicina: l’efficienza produttiva è un imperativo anche per l’industria dell’imballaggio

Si è svolta nei giorni scorsi a Bologna la terza tappa di avvicinamento a SPS Italia. Il prossimo appuntamento è in programma a Torino il 10 aprile

26 Mar 2019

In che modo è possibile aumentare l’efficienza produttiva nell’industria per il confezionamento e l’imballaggio? Se n’è parlato a Bologna in occasione della terza delle tavole rotonde organizzate da SPS Italia, in occasione del percorso che porta alla Fiera di Parma (28-30 maggio 2019). Come ha messo in evidenza Simone Castelli, Deputy Directror di Ucima, il settore delle tecnologie italiane per il packaging è molto vasto, con circa 650 aziende che hanno generato 7,6 miliardi di fatturato nel 2018, con una percentuale di export elevata (80%) e più di 30 mila gli addetti impiegati. Tanto che l’Italia è il primo produttore mondiale, davanti anche alla Germania. Numerosi sono stati i progetti di innovazione presentati a Bologna dalle realtà produttrici di macchine per il packaging, tra cui quello di IMA, che ha parlato di Virtual Commissioning: si tratta di un processo di progettazione che permette la creazione di un modello virtuale che simula alla perfezione il funzionamento di un impianto, riducendo così i tempi di progettazione e di debugging. Altri interventi, come quello di Oscar Gerelli, R&D Software Design OCME, si sono concentrati sulla sicurezza delle macchine, in particolare l’integrazione fra mondo safety e automazione di macchina, discutendone i vantaggi attraverso casi d’uso reali.

Nel pomeriggio Domenico Bambi, Presidente del Comitato Esecutivo Competence Center Bi-Rex, ha parlato del ruolo dei Competence Center: “Il compito dei Competence Center è il trasferimento tecnologico tra chi ha le risposte (le accademie) e chi ha le domande (le aziende). Le domande arrivano tipicamente dalle PMI, che talvolta riscontrano dei problemi di business senza capirne il motivo. Attraverso i Competence Center queste realtà possono comprendere le reali problematiche, spesso tecnologiche, che incidono sul conto economico.”, ha raccontato Bambi.

Un ulteriore appuntamento in vista di SPS Italia è in programma a Torino il prossimo 10 aprile: “Non solo robotica: l’evoluzione delle tecnologie e delle competenze nei settori Automotive e Aerospace”. Per ulteriori informazioni e completare la registrazione occorre andare su questa pagina.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

S
SPS

Articolo 1 di 5