Skill gap

Gap educativo nell’automazione robotica: a repentaglio il futuro dell’industria 4.0

Un’indagine ABB rivela che solo 1 istituto di formazione su 4 utilizza i robot nei programmi di insegnamento, nonostante il 70% delle aziende statunitensi ed europee preveda di investire nell’automazione nei prossimi tre anni per far fronte ai cambiamenti nella catena di fornitura

19 Set 2022

La maggior parte dei leader delle aziende statunitensi ed europee considera l’automazione robotica come fattore abilitante per la resilienza della supply chain che deve far fronte alla carenza di manodopera, alla necessità di un’impronta globale più sostenibile e all’incertezza globale; tanto che il 75% delle aziende europee e il 62% di quelle statunitensi prevede di investire in robotica e automazione nei prossimi tre anni. Inoltre, per il successo di queste strategie, il 74% delle aziende europee e il 70% di quelle statunitensi sta pianificando operazioni di riallocazione o di nearshore.

Tuttavia, l’indagine di ABB sulla formazione globale 2022 ha rilevato un divario significativo nell’istruzione e nella formazione necessarie a garantire le competenze necessarie per lavorare nei luoghi di lavoro del futuro, sempre più connessi e automatizzati. Se per l’80% dei professionisti della formazione intervistati a livello globale, la robotica e l’automazione influenzeranno il futuro dell’occupazione nei prossimi dieci anni, solo un istituto di formazione su quattro utilizza attualmente i robot come parte dei propri programmi di insegnamento.

“Il mondo è in continua evoluzione: le imprese stanno modificando le strutture esistenti e adottando nuove tecnologie per affrontare le sfide e le incertezze del futuro, con l’automazione robotica che svolge un ruolo fondamentale – dichiara Sami Atiya, Presidente della divisione ABB Robotics & Discrete Automation – Abbiamo bisogno di investimenti significativi nella formazione continua per preparare la nostra forza lavoro attuale e futura a prosperare in un’epoca di robotica e automazione.”

ABB espande il suo programma globale di formazione dedicato a robotica e automazione

Grazie a più di 100 partnership globali con scuole e università, ABB genera materiale didattico in collaborazione con i fornitori di servizi educativi per aiutare a formare le future generazioni e prepararle ai lavori di domani. Per contribuire a colmare il divario di competenze, ABB ha rafforzato il suo programma globale di formazione sulla robotica e l’automazione con nuovi centri di formazione, tra cui il campus globale di innovazione e formazione in Austria, del valore di 100 milioni di euro.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Il nuovo sito, insieme ad altri nuovi centri di formazione regionali nel Regno Unito, a Berlino e in Brasile, espande le strutture di formazione di ABB a oltre 40 siti a livello globale, formando ogni anno più di 30.000 studenti di scuole, college e università, nonché apprendisti e lavoratori. I siti si aggiungono all’offerta formativa esistente di ABB, che consiste in pacchetti software, tra cui Wizard Easy programming, RobotStudio® e RobotStudio® AR Viewer App, nonché hardware sotto forma di celle robotiche collaborative e pacchetti applicativi.

“Il cambiamento deve avvenire ora – aggiune Atiya – Mentre le aziende si rivolgono all’automazione robotizzata per compensare la carenza di manodopera, migliorare l’efficienza e aumentare la resilienza, i lavoratori hanno bisogno di competenze per utilizzare l’automazione per svolgere il proprio lavoro e migliorare il proprio ruolo. Le aziende devono unire le forze, collaborando con gli istituti di istruzione e i governi per garantire che la società sia preparata ai lavori del futuro. Solo così potremo utilizzare appieno l’automazione flessibile e sbloccare il valore della reindustrializzazione in corso”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4