Progetti

Trasporto su strada, un ecosistema digitale per i controlli transfrontalieri: il progetto Ue KEYSTONE

Cofinanziato dalla Commissione Europea e dal Governo del Regno Unito, KEYSTONE mira a migliorare grazie al digitale la qualità dei controlli di conformità per la logistica transfrontaliera garantendo maggiori livelli di sicurezza e di contrasto alla criminalità organizzata

Pubblicato il 09 Gen 2024

Un monitoraggio e un controllo accurato e affidabile del rispetto delle normative europee in materia di trasporto su strada è possibile solo attraverso rigidi controlli di conformità che implicano la raccolta, verifica e analisi di una serie di dati relativi al conducente, al veicolo, all’operatore, al carico e al tipo di trasporto. Per questo motivo il progetto europeo KEYSTONE è volto a semplificare e migliorare i controlli di conformità per la logistica transfrontaliera – agevolando le autorità pubbliche e gli operatori logistici – attraverso la creazione di un ecosistema digitale in grado di abilitare lo scambio sicuro e controllato delle informazioni sul trasporto delle merci su gomma.

Finanziato con oltre tre milioni di euro dalla Commissione Europea e dal Governo del Regno Unito (UKRI), KEYSTONE vede Cefriel, centro di innovazione digitale del Politecnico di Milano, come capofila del progetto assieme a diversi partner europei.

Logistica transfrontaliera, il digitale per controlli di conformità smart

La trasformazione digitale e l’adozione di tecnologie dell’informazione emergono come una forza trainante nell’ottica di rafforzare l’applicazione della legge nella filiera della logistica. Il passaggio dalla carta al digitale, insieme a controlli mirati, rappresenta un’opportunità per migliorare l’efficienza e la trasparenza, riducendo oneri e costi amministrativi per imprese e autorità.

WEBINAR
5 Marzo 2024 - 12:00
Protezione rapida dell'infrastruttura IT: i passaggi da realizzare in una situazione di minaccia
Datacenter Infrastructure Management
Security Risk Management

La digitalizzazione delle informazioni relative al conducente, veicolo, operatore, carico, l’accesso affidabile ai dati in tempo reale e lo scambio sicuro delle informazioni, uniti all’introduzione di controlli automatizzati e processi analitici, sono elementi cruciali per plasmare un moderno sistema di trasporto su strada.

KEYSTONE si propone di offrire soluzioni innovative per permettere alle autorità di controllo di accedere direttamente e in tempo reale a tutte le informazioni necessarie, elaborare e analizzare istantaneamente i dati per verificare la conformità, e trasferire in modo sicuro i risultati del controllo per contribuire alla creazione di una mobilità sostenibile.

Il progetto mira anche a stimolare gli operatori commerciali a condividere elettronicamente le proprie informazioni con le autorità, fornendo valutazioni e raccomandazioni, e supportare le autorità nell’integrazione di dati rilevanti provenienti da diverse parti interessate.

KEYSTONE e il sondaggio su requisiti e necessità per i controlli di filiera

A Novara CIM Spa, Interporto di Novara, e Cefriel, hanno incontrato istituzioni e imprese per individuare i problemi e le esigenze che le pubbliche autorità e gli operatori logistici si trovano quotidianamente ad affrontare in tema di controlli transfrontalieri di merci su gomma.

A supporto di questa fase, il consorzio del progetto KEYSTONE ha creato un sondaggio con l’intento di raccogliere le necessità e gli ostacoli che attualmente influenzano i controlli transfrontalieri effettuati dalle autorità di controllo. Il sondaggio è anonimo (non verranno raccolti dati personali) ed è aperto a tutti coloro che desiderano rimanere informati e/o partecipare attivamente alle attività del progetto per indirizzare in modo preciso e tangibile i risultati del lavoro.

Per chi fosse interessato, il sondaggio è raggiungibile a QUESTO INDIRIZZO

Tracciabilità e dati: i due elementi su cui puntare

A fine novembre si è svolta una tavola rotonda presso la sede di CIM SpA con importanti rappresentanti delle istituzioni e delle imprese. Uno dei temi emersi nel corso della discussione tra attori che quotidianamente si trovano ad affrontare problemi in tema di controlli transfrontalieri, è quello che sottolinea Sabino Metta, project manager KEYSTONE per Cefriel, ovvero la necessità di “tracciare, monitorare e ricostruire i percorsi delle merci, dei mezzi e degli autisti che attraversano diversi paesi europei”.

Un’altra richiesta delle autorità pubbliche e delle aziende di logistica presenti alla tavola, è quella che evidenzia Massimo Arnese, project manager KEYSTONE per CIM, ossia di “indirizzare le future attività nella creazione di strumenti e flussi digitali interoperabili e immediatamente fruibili”. Infatti, l’opportunità di accedere a diverse banche dati, in maniera tempestiva e affidabile, migliorerebbe la qualità dei controlli garantendo maggiori livelli di sicurezza e di contrasto alla criminalità organizzata.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5