Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Servitization: un’opportunità reale per Fluid-o-Tech

Parla il Cio della società, Ivan Basso: in Fluid-o-Tech una business unit già si occupa di connected products, considerati una opportunità da esplorare

12 Mar 2019

Maria Teresa Della Mura

Giornalista

In occasione dell’incontro “Da Smart Products a Smart Business, la trasformazione passa dai servizi”, organizzato poche settimane fa da Industry4Business, in collaborazione con Microsoft e tre aziende della galassia Reply (Connect Reply, Cluster Reply e Forge Reply) e di cui abbiamo diffusamente scritto in questo servizio, abbiamo avuto modo di raccogliere la testimonianza di Ivan Basso, Chief Information Officer di Fluid-o-Tech, società attiva nel nostro Paese fin dal 1948 e specializzata nella progettazione e produzione di pompe volumetriche e sistemi per la gestione dei fluidi per il settore food service, medicale, industriale, automotive…

In Fluid-o-Tech una business unit dedicata ai connected products

Sul tema servitization la società sta già lavorando, al punto che, sono parole dello stesso Basso,  “Fluid-o-Tech ci crede, e a livello direzionale l’iniziativa è già considerata strategica. Nella nostra organizzazione è stata creata una business unit dedicata proprio ai prodotti connessi”.
Basso sottolinea che per una società che produce componentistica per clienti OEM il tema della servitization non è banale né dal punto di vista delle relazioni commerciali, né dal punto di vista progettuale, dal momento che la richiesta è quella di ingegnerizzare sensori nei prodotti.
“Abbiamo in corso importanti collaborazioni e stiamo realizzando i primi prototipi. Il nostro obiettivo è quello di realizzare prodotti in grado di raccogliere i dati dal campo e renderli disponibili sia per il cliente, sia per noi stessi, al fine di sviluppare analisi statistiche o abilitare nuovi servizi ad esempio nell’ambito della manutenzione predittiva”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Maria Teresa Della Mura
Giornalista

Giornalista, da trent’anni segue le tematiche dell’innovazione tecnologica applicata ai modelli e ai processi di business.Negli ultimi anni si è avvicinata al mondo dell’Internet of Things e delle sue declinazioni in un mondo sempre più coniugato in logica smart: smart manufacturing, smart city, smart home, smart health.

Articolo 1 di 5